Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:46 - Lettori online 696
RAGUSA - 26/06/2009
Attualità - Conclusa la seconda prova degli esami di stato

Prove accessibili per gli studenti, "ritorna" Cicerone

Lunedì la terza prova che sarà eleborata dalle stesse commissioni

Clemenza e severità è stato l’argomento del brano di Cicerone che è stato proposto per la seconda prova degli esami di stato al classico. Allo scientifico due problemi ed un questionario, mentre al pedagogico è stato proposto un brano di Block sul «Mastery learning», all’artistico la progettazione di una scuola materna.

Tutte le prove sono stati definite accessibili dai commissari d’esame e gli studenti non hanno avuto grandi difficoltà nell’affrontare le tracce proposte. Quindici righe dal De Officiis di Cicerone è l’argomento sul quale si sono misurati gli studenti del classico.


«La pena non deve essere maggiore della colpa nell’applicare le pene» , dice il passaggio principale del brano ciceroniano che si occupa degli obblighi degli uomini pubblici. Linguisticamente il brano non ha presentato difficoltà anche se in qualche passaggio la costruzione si è rilevata articolata. Allo scientifico i due problemi sono stati posti in quattro punti mentre il questionario riguardava per metà il programma degli anni precedenti.

Nelle scuole accesso interdetto agli estranei, telefonini consegnati agli ingressi e linee internet staccate secondo quanto disposto dal ministero. Sulle commissioni ha vigilato anche una squadra di ispettori che hanno fatto il giro delle scuole della provincia. Chiusa la seconda prova si riprende lunedì con la prova elaborata dalle commissioni sulla base dei programmai svolti nel corso dell’anno. Si tratta della prova più temuta dagli studenti perché abbraccia non meno di quattro materie e si deve svolgere in media in novanta minuti. Da martedì cominciano le correzioni e da metà della prossima settimana il via gli orali. Le commissioni prevedono di chiudere il loro lavoro a metà luglio.