Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 377
RAGUSA - 27/05/2009
Attualità - 497mila gli studenti delle classi che si sottoporranno alla prova

Esami di stato: ufficializzati presidenti e commissari

Sono in tutto 12mila presidenti, nella stragrande maggioranza dirigenti scolastici, 37mila sono i commissari esterni, 75mila quelli interni

Ufficializzati i nomi dei commissari esterni e dei presidenti degli esami di stato. Sono in tutto 12mila presidenti, nella stragrande maggioranza dirigenti scolastici, 37mila sono i commissari esterni, 75mila quelli interni; 497mila gli studenti delle classi che si sottoporranno alla prova. Comincia così la rincorsa ad un appuntamento che segna la vita di ogni studente e coinvolge emotivamente le famiglie.

La pubblicazione delle commissioni è vissuta spesso come un passaggio fondamentale verso l’esame soprattutto per conoscere i nome dei tre commissari esterni che esamineranno gli studenti nelle materie già stabilite dal ministero. Gli altri tre commissari sono stati invece indicati dai singoli consigli di classe. Le commissioni sono consultabili sul sito del ministero della pubblica istruzione(www.istruzione.it) digitando il nome della scuola interessata.

Le commissioni si insedieranno martedì 23 giugno per esaminare la documentazione dei candidati e prendere atto dei programmi e stilare il calendario di esame. Il via all’esame giovedì 25 con la prima prova di italiano valida per tutte le scuole; la seconda il giorno dopo , caratterizzante per tipologia di istituto( latino al classico, matematica allo scientifico). La terza prova si terrà lunedì 29 e gli orali avranno inizio nei primi giorni di luglio. La data di inizio delle operazioni di esame è slittata quest’anno di una settimana per cui le commissioni finiranno il loro lavoro con la pubblicazione dei risultati solo a metà luglio.

Si tratta di una decisione impopolare del ministero perché allunga i tempi dell’esame e restringe le vacanze per studenti e famiglie. Altra novità rispetto agli anni passati è l’ammissione agli esami che ogni singolo consiglio di classe dovrà deliberare in sede di scrutinio. Per essere ammessi agli esami gli studenti dovranno riportare almeno la media del sei; dopo varie comunicazioni ed interpretazioni da parte del ministro la media viene computata includendo anche il voto di condotta e di educazione fisica.