Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 440
RAGUSA - 03/05/2009
Attualità - Ragusa: gli impianti serricoli della fascia trasformata come un campo di guerra

Il Pepino virus nemico letale del pomodoro. Serre distrutte

Si diffonde assai facilmente e, se non viene effettuata una buona profilassi, rischia di diffondersi massicciamente, con danni gravi per la serricoltura

Gli impianti serricoli della fascia trasformata come un campo di guerra. Un nuovo virus, infatti, attacca le serre e, specificamente, il pomodoro. Si tratta del Pepino Mosaic Virus (PepMV) che genera una fitopatia difficile da monitorare e conseguenze assai pesanti per le colture.

Il Pepino Virus è conosciuto in zona sin dal 2005 ed è ricomparso agli inizi del 2008, soprattutto nel territorio tra Gela e S.Croce Camerina. Ora la nuova "incursione": il virus si diffonde assai facilmente e, se non viene effettuata una buona profilassi, rischia di diffondersi massicciamente, con danni gravi per la serricoltura.

La sezione staccata di Vittoria dell´Osservatorio delle malattie delle piante di Acireale ha convocato nei giorni scorsi tecnici e operatori agricoli per fare il punto della situazione. Il quadro è allarmante. Occorrono profilassi rigide: "Il virus - evidenzia l´Osservatorio - si trasmette per contatto, per via meccanica attraverso gli attrezzi da lavoro, le mani, le scarpe, i vestiti ed il contatto tra pianta e pianta. I lavoratori delle serre trasmettono quindi facilmente il virus. Il patogeno è stato riscontrato anche nelle radici delle piante e le infezioni possono avvenire pure attraverso gli attrezzi per lavorare il terreno. Può rimanere vitale nel materiale vegetale secco e sulle strutture".

I tecnici dell´Osservatorio, perciò, hanno rimarcato che è molto importante per evitare la diffusione del Pepino la pulizia delle serre, degli indumenti, la distruzione delle piante interessate al virus, la collocazione di stuoie impregnate di disinfettante all´ingresso delle serre, la limitazione dell´accesso negli impianti dei non addetti ai lavori. Anche la solarizzazione del terreno costituisce strumento efficace. Il rinvenimento di piante con sintomi ascrivibili al Virus del Mosaico del Pepino va segnalato all´Osservatorio stesso di Acireale.