Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:45 - Lettori online 787
RAGUSA - 21/04/2009
Attualità - Ragusa: i vigili del fuoco si erano pronunciati in questo senso mesi fa

Istituto professionale inagibile, ma proseguono le lezioni

Genitori preoccupati, ma l’assessore provinciale Giampiccolo rassicura tutti: nessun pericolo

Sebbene sia stato dichiarato già da tempo inagibile dai Vigili del fuoco, l’Istituto Professionale per il Commercio di Ragusa continua ad accogliere gli studenti. Il comitato dei genitori è fortemente preoccupato per il rischio sismico più volte preannunciato anche dal Ministro.

Sembra quasi assurdo, ma la situazione è reale. Tempo fa, i Vigili del fuoco di Ragusa hanno dichiarato tutto il piano superiore dell’edificio scolastico inagibile a causa di notevoli danni e lesioni strutturali alle pareti. Infatti, tutti i laboratori dell’istituto sono stati trasferiti a pianterreno.

La cosa pare sia stata resa nota dalla preside dell’istituto, la dirigente Rosa Agosta, durante una riunione del coordinamento dei genitori. Ma a distanza di mesi, l’istituto non è stato trasferito in un edificio nuovo, è ancora lì. Alcuni genitori facenti parte del comitato hanno esternato forti preoccupazioni in merito a causa dei proclami di queste ultime settimane che hanno creato uno stato d’allerta nella Sicilia Orientale.

Durante un incontro tenutosi qualche settimana fa, l’assessore provinciale Giovanni Giampiccolo, ha assicurato i genitori dichiarando che i tecnici della provincia, dopo avere effettuato dei controlli, non hanno riscontrato danni tali da costituire un pericolo per gli studenti.

Problemi anche a Comiso, al Liceo Carducci di via Roma, dove più volte il dirigente scolastico Corrado Roccaro, ha segnalato la caduta di calcinacci dal soffitto, ma dove, a tutt’oggi, non è stato effettuato alcun lavoro manutentivo.