Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 892
RAGUSA - 21/04/2009
Attualità - Ragusa: siglato un protocollo d’intesa dai vertici provinciali dei due enti

Inps- Ausl 7, le pensioni d’invalidità corrono on line

Trasparenza e velocizzazione delle procedure, questi gli obiettivi di Manno e Falzone Foto Corrierediragusa.it

Le domande per le pensioni invalidità viaggiano on line. Fra Ausl 7 e Inps di Ragusa, grazie a un protocollo siglato presso la sede dell’Istituto previdenziale ibleo fra il manager dell’Ausl Fulvio Manno e il direttore provinciale dell’Inps Domenico Falzone (da dx nella foto).

Ragusa, dopo Trapani, è la seconda provincia che rispetta i tempi con 10 giorni d’anticipo sulla scadenza del 30 aprile, fissata dal protocollo regionale siglato dall’assessore regionale alla Sanità Massimo Russo e dal direttore regionale Inps Filippo La Commare. Entro la fine del mese tutte le altre province della Sicilia dovranno siglare il protocollo innovativo che mira ad accelerare le pratiche d’invalidità.

La filiera dell’istruttoria, come s’è detto, è troppo lunga, e molte volta capita che il beneficiario dell’erogazione non sopravviva all’emanazione dell’atto definitivo, che passa agli eredi del titolare avente diritto.

Con il protocollo firmato da Manno e Falzone, l’Inps mette a disposizione gratuitamente la propria procedura informatica per l’acquisizione e gestione delle informazioni relative alle pratiche di invalidità civile, sordità, handicap e disabilità trasmesse dalla Ausl alle Commissioni di verifica, utilizzabile direttamente da internet tramite il portale www.inps.it

Sia il direttore Falzone che il manager Manno hanno espresso compiacimento per questa sinergia raggiunta che «mira ad accelerare la definizione delle pratiche di invalidità e a introdurre maggiori criteri di trasparenza nell’erogazione dei benefici dell’invalidità».