Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 0:33 - Lettori online 1201
RAGUSA - 09/03/2009
Attualità - Ragusa: l’iniziativa, ancora in fase sperimentale, prenderà il via il 16 marzo

Ragusa: corso di vela nelle scuole "Vetri" e "Crispi"

Il progetto, che prevede 10 lezioni, è stato ideato dall’assessore comunale allo sport Francesco Barone e dalla Fiv
Foto CorrierediRagusa.it

Le palestre delle scuole primarie ragusane si preparano ad accogliere un’«attrezzatura sportiva» piuttosto originale: la barca a vela. L’iniziativa, ancora in fase sperimentale, prenderà il via il 16 marzo solo per gli alunni della «Vetri» e della «Crispi», ma in futuro potrebbe essere estesa ad altri istituti.

Il corso teorico di vela, diviso in 10 lezioni, è stato organizzato dall’assessorato comunale allo Sport – diretto da Francesco Barone (nella foto) – e dalla Fiv (Federazione italiana vela) di Ragusa. «L’iniziativa – spiega l’assessore Barone – ha l’obiettivo di arricchire l’educazione allo sport nelle scuole primarie e vuole inoltre sfatare un luogo comune piuttosto diffuso, e cioè che la passione per la vela sia uno sport da élite».

«Oggi, grazie ai tanti circoli velici presenti nella provincia, è possibile praticare questo sport a prezzi accessibili – afferma Claudio Alessandrello, presidente provinciale Fiv –. Dopo le lezioni teoriche, i bambini che vorranno portare avanti questa passione potranno usufruire di sconti particolari che consentono di passare dalla teoria a lezioni pratiche pagando circa 100 euro al mese».

Le lezioni teoriche che si terranno nelle due scuole prevedono l’uso del modello di imbarcazione Optimist (un monoscafo dotato di una singola vela), di supporti video e di materiali didattici sulla vita in mare. «I corsi infatti – conclude Alessandrello – hanno anche l’obiettivo di insegnare ai ragazzi come convivere con il mare attraverso un’adeguata conoscenza delle sue leggi e dei suoi pericoli».