Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 465
RAGUSA - 23/02/2009
Attualità - Ragusa: il cuore barocco del capoluogo al sesto posto della classifica

Ragusa Ibla piace ai turisti siciliani, Modica molto meno

Indagine di Demopolis, un istituto nazionale di ricerche, per conto del consorzio Forum Foto Corrierediragusa.it

Palermo,Taormina ed Ortigia sono i centri storici e le città d’arte più visitate dai siciliani. Lo dice un’indagine di Demopolis, un istituto nazionale di ricerche, per conto del consorzio Forum per verificare la soddisfazione dei visitatori rispetto alle modalità di fruizione del patrimonio artistico della Sicilia. Ragusa Ibla si piazza al sesto posto tra i siti più visitati dai siciliani con il 20 per cento di visitatori; Ibla precede Erice e Cefalù al 18 per cento,Noto al 14 per cento,Caltagirone 11 per cento, Messina 10 per cento.

Modica non rientra tra i siti citati dall’indagine nonostante nl corso degli ultimi anni abbia rilanciato la sua immagine; evidentemente molto resta ancora da fare. Per Ibla molto hanno fatto investimenti grazie alla legge speciale e soprattuto la concentrazione dei siti patrimonio dell’Umanità. Per Ibla Modica e Scicli tuttavia si può parlare di macroarea anche se le preferenze vanno al centro barocco ragusano.

La cattedrale arabo normanna,il teatro Massimo ed il palazzo dei normanni sono i siti più visitati nel capoluogo regionale ma altrettanto successo in Sicilia gode la cattedrale di Monreale ed il castello Ursino di Catania. IL 40 per cento dei 2.110 siciliani intervistati si è recato inoltre negli ultimi cinque anni nella valle dei Templi, al teatro romano di Taormina, nell’area archeologica di Siracusa, a Segesta, alla villa del Casale di Piazza Armerina, a Selinunte , Tindari e Mozia. Dall’indagine risulta inoltre che le donne sono quelle più interessate ai musei ma tutti chiedono maggiori servizi e possibilità di fruizione.