Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 916
RAGUSA - 22/02/2009
Attualità - Il giornalista siciliano si è spento ieri in una clinica di Milano

Giornalismo in lutto: è morto Candido Cannavò

Oggi la camera ardente negli uffici della Rcs Foto Corrierediragusa.it

Vuoto per il giornalismo italiano. Candido Cannavò, 78 anni, siciliano di Catania, è morto ieri a Milano dopo due giorni di ricovero presso una clinica milanese. Cannavò ha accusato una emorragia celebrale che non gli ha dato scampo. Candido Cannavò ha fatto la storia del giornalismo sportivo italiano grazie alla sua autorevole direzione per 19 anni della Gazzetta dello sport. La camera ardente è stata allestita negli uffici milanesi della Rcs.

La Gazzetta, cui è rimasto legato anche dopo aver lasciato la direzione, tenendo una rubrica, è stato rilanciato grazie al suo impegno civile contro il doping, alla sua autorevolezza, alla sua direzione dalla schiena dritta tanto da affermarsi anche a livello internazionale. Cannavò aveva iniziato negli anni 50’ a fare giornalismo dalla sua Catania scrivendo per «La Sicilia» e facendo il corrispondente per la Gazzetta dello sport.

In Sicilia aveva condotto molte inchieste nel campo sociale ed economico tra cui alcune graffianti in provincia di Ragusa come quella sulle serre del vittoriese e sul futuro turistico della zona di Maganuco e Marina di Modica. Questo impegno civile più che giornalistico gli valse la « chiamata» da parte di un altro mitico direttore della «Gazzetta», Gino Palumbo, a Milano prima come inviato e poi la direzione della «rosea». Oggi su tutti i campi di calcio un minuto di silenzio ricorderà la figura dell’uomo e del giornalista « Stracandido» come Teo Teocoli amava amabilmente chiamarlo.