Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 2 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:28 - Lettori online 1349
RAGUSA - 31/01/2009
Attualità - Ragusa - Recuperare il tempo perduto per la zona artigianale

Ragusa: Cna chiede aiuto per c.da Mugno

Un sopralluogo è stato effettuato nel Centro direzionale del sito Foto Corrierediragusa.it

Recuperare il tempo perduto per la zona artigianale di contrada Mugno, a Ragusa. Questa la pressante richiesta rivolta dalla Cna all’amministrazione comunale in occasione del sopralluogo effettuato ieri mattina presso il Centro direzionale del sito (nella foto).

All’interno del Centro direzionale sono infatti in esecuzione alcuni lavori che dovranno consentire la suddivisione interna della struttura: al primo piano troveranno sistemazione gli uffici dell’assessorato allo Sviluppo economico; al piano terra, invece, verranno installati gli uffici dello Sportello unico per le attività produttive, mentre due stanze saranno riservate alla sede del Soat di Ragusa. Sempre al piano terra verrà predisposto uno spazio per accogliere eventuali installazioni artistiche.

Nel corso del sopralluogo sono stati messi in evidenza il problema della mancanza degli allacci di luce e gas e il pessimo stato della pavimentazione delle strade interne al sito di contrada Mugno.

Il vicesindaco, Giovanni Cosentini, ha spiegato che le «suddette questioni sono interconnesse tra loro, nel senso che l’amministrazione comunale non può permettersi di investire delle somme in asfalto quando, poi, per il completamento degli allacci di luce e metano bisognerebbe di nuovo scavare e realizzare dei lavori. Quindi, il punto, in questa fase, sta nell’accelerare le procedure di completamento con Enel ed Enelgas affinché – ha detto Cosentini – in un secondo tempo si possa procedere con la ripavimentazione delle arterie stradali interne alla zona artigianale».