Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:06 - Lettori online 1211
RAGUSA - 28/12/2008
Attualità - Ragusa - Ancora nessuna data certa sulla riapertura

Ragusa: aspettando la piscina comunale

Tasca: "Ci sono delle infiltrazioni nella copertura dei locali"
Foto CorrierediRagusa.it

Fra pochi giorni diremo addio al 2008. E alla speranza di vedere la piscina comunale di Ragusa (nella foto) terminata entro fine anno. Malgrado le previsioni ottimistiche dell’assessore Michele Tasca, che di recente ha ricevuto la delega all’Edilizia sportiva, l’odissea della struttura continuerà nel 2009, per quanto tempo ancora è difficile da prevedere. Il motivo? Gli ultimi lavori di riqualificazione dell’edificio «scivolano» sul bagnato. Non quello che si accumula a bordo vasca: quello delle infiltrazioni d’acqua.

«Ci sono delle infiltrazioni nella copertura dei locali, nulla di allarmante – minimizza l’assessore –. È un imprevisto che ci costringe a rinviare l’apertura della piscina a data da destinarsi. Martedì o mercoledì effettueremo un sopralluogo con i tecnici per valutare l’entità dei danni e per stabilire le cifre che bisognerà stanziare per le riparazioni».

Questa, almeno, la versione ufficiale. L’altra versione, quella delle voci (incontrollate) di corridoio, descrive invece l’interno della piscina – sottoposta a lunghi e costosi lavori di ristrutturazione – come un colabrodo: infiltrazioni d’acqua sarebbero presenti in molti punti dell’intera copertura. «Inconvenienti», come dicono alcuni tecnici, svelati dalle intense piogge dei giorni scorsi, quando macchie di umidità e rivoli d’acqua sono apparsi sulle pareti a segnalare che qualcosa era andato storto nei lavori di riqualificazione.

La situazione, comunque, è sotto controllo, assicura l’assessore Tasca: «Non c’è nulla di allarmante, faremo un sopralluogo e decideremo gli interventi più idonei». Nel frattempo, la piscina comunale continua a «navigare» nella sua lunga odissea di ritardi, un viaggio che proseguirà, sul bagnato, oltre l’alba del 2009.