Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:21 - Lettori online 1167
RAGUSA - 18/12/2008
Attualità - Ragusa - L’appello di don Pavone della chiesa di San Pio X

Ragusa: una sede per la parrocchia

Dipasquale: "Per il salone abbiamo stanziato 30mila euro"
Foto CorrierediRagusa.it

«La parrocchia di San Pio X esiste da 44 anni ma ancora non dispone di una propria sede autonoma. Ad oggi siamo ospitati al piano terra di un edificio di case popolari. La chiesa sarà costruita grazie a un finanziamento della Cei, il primo passo verso questa meta sarà la realizzazione di un salone parrocchiale come luogo di aggregazione e di incontro per i giovani e le famiglie. Il finanziamento della Cei è corposo ma non basta a coprire tutte le spese. Il Comune ha dato un importante contributo di 30mila euro per la realizzazione del salone, resta però fondamentale l’aiuto dell’intera comunità per la costruzione di questa prima struttura destinata a tutti, non solo alla parrocchia».

Così il parroco don Mario Pavone nel corso di un incontro con la stampa per presentare il progetto della chiesa di San Pio X che sorgerà sull’area all’angolo di viale Europa e via Failla, di fronte all’istituto tecnico commerciale «Besta» e al liceo scientifico «Fermi».

«Per il salone parrocchiale – ha detto il sindaco di Ragusa, Nello Dipasquale – abbiamo stanziato 30mila euro, 10mila disponibili da subito e 20mila da impegnare nel bilancio 2009. L’obiettivo è quello di dare il via ai lavori agli inizi dell’anno nuovo».

«La raccolta dei fondi procede a fatica – ha concluso don Mario Pavone – perché tante famiglie, dopo tutti questi anni di attesa, dubitano dell’effettiva realizzazione della sede. Costruire prima di tutto il salone parrocchiale darebbe quindi alla città, in particolare a un quartiere in piena espansione, un luogo d’incontro aperto a tutti e un segno tangibile della concretezza del progetto».

(Nella foto in alto il sindaco Nello Dipasquale e don Mario Pavone)