Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:11 - Lettori online 1787
RAGUSA - 05/12/2008
Attualità - Ragusa - I dati resi noti per la festa della patrona Santa Barbara

Vigili del fuoco: 2mila 500 interventi nella provincia iblea

Bilancio positivo anche per la prevenzione degli incendi
Foto CorrierediRagusa.it

Quasi 2500 interventi per incendi; 160 per incidenti stradali; 100 per soccorsi a persone; 83 per crolli e dissesti; 97 interventi per danni provocati dall’acqua.

Queste alcune tra le cifre più importanti che riassumono l’impegno profuso dai Vigili del fuoco di Ragusa nel territorio provinciale dal dicembre 2007 al dicembre 2008. «Un consuntivo sicuramente positivo, se riferito all’assolvimento dei compiti istituzionali delegati a questa sede», ha detto il comandante Gianfranco Scarciotta durante la cerimonia, ieri mattina, al comando provinciale di Ragusa per festeggiare la patrona del Corpo, Santa Barbara.

Un bilancio positivo non solo per quanto concerne i soccorsi in caso di emergenza, ma anche per tutte le attività legate al servizio di prevenzione degli incendi. «E proprio in tema di soccorso – ha sottolineato il comandante davanti alle autorità civili, militari e religiose presenti alla cerimonia –, particolare rilievo assume, grazie alla convenzione tra la Direzione regionale dei Vigili del fuoco e il Dipartimento di Protezione civile della Regione, il potenziamento degli interventi in ambito provinciale effettuato nella trascorsa stagione estiva». Potenziamento reso possibile anche attraverso il supporto dei distaccamenti stagionali di Marina di Ragusa e di Scoglitti.

«Accanto a queste note senz’altro positive – ha concluso il comandante –, continuano però a permanere disattese alcune delle aspettative e dei bisogni più urgenti del Corpo. Mi riferisco soprattutto alla cronica carenza di risorse finanziarie che, per certi aspetti, rende difficoltosa la programmazione della spesa e la gestione quotidiana di molte attività».