Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:29 - Lettori online 777
RAGUSA - 05/12/2008
Attualità - Ragusa - Una memoria di Giovanni Iacono e Salvatore Martorana

Pattume "in libertà" a Cava
dei Modicani. IdV dal Prefetto

Allegata anche una «denuncia fotografica» dello scempio
Foto CorrierediRagusa.it

I gruppi di IdV (Italia dei Valori) alla Provincia e al Comune di Ragusa hanno presentato formalmente al Prefetto di Ragusa una memoria, firmata dai consiglieri Giovanni Iacono e Salvatore Martorana, sulla gestione della discarica di Cava dei Modicani. Un documento che «denuncia la cattiva gestione della discarica e lo scempio ambientale che persiste ormai da molti mesi nelle zone confinanti», spiega il consigliere provinciale, Giovanni Iacono.

Alla memoria è stata allegata anche una «denuncia fotografica», 335 immagini che «documentano solo gli ultimi 15 mesi di immondizia ‘in libertà’, rifiuti di plastica e di altro genere – continua il consigliere provinciale – sparsi un po’ ovunque, in prossimità della strada, sui campi, nelle zone adibite al pascolo. Una situazione drammatica che non può continuare oltre. Di recente, poi, sono stati rinvenuti, in un terreno non lontano dalla discarica e coperto di rifiuti, i resti di alcuni capi di bestiame».

La memoria, oltre al Prefetto di Ragusa, è stata presentata formalmente anche al presidente della Provincia e al comandante della Polizia provinciale.

«Una simile gestione della discarica non è più tollerabile – conclude il consigliere Giovanni Iacono –. Poco prima dell’estate abbiamo richiesto pubblicamente e formalmente le dimissioni del vertice Ato Ambiente anche per l’inquinamento di tutti questi anni a Cava dei Modicani, oggi la priorità è quella di far cessare immediatamente questo scempio, che rischia di compromettere seriamente la salute del nostro territorio».

(Nella foto in alto il vergognoso "albero del pattume")