Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 761
RAGUSA - 28/11/2008
Attualità - Ragusa - Il progetto entra nella sua fase operativa

Ragusa: consulta per l’Urbanistica

A darne notizia è l’assessore all’Urbanistica Francesco Barone Foto Corrierediragusa.it

Il progetto di consulta per l’Urbanistica, che sarà formata dai rappresentanti degli Ordini professionali e dell’amministrazione comunale, entra finalmente nella sua fase operativa. Il Comune, infatti, ha inviato agli Ordini l’invito a comunicare in tempi brevi i nomi dei rispettivi rappresentanti che dovranno comporre il nuovo organo consultivo.

A darne notizia è l’assessore all’Urbanistica Francesco Barone (nella foto), che sottolinea l’importanza di «questo strumento nato nel segno della democrazia e della trasparenza. Il Comune deciderà in questa materia – precisa l’assessore – solo dopo aver ascoltato i pareri di tutti i professionisti, ciascuno secondo le proprie competenze: ingegneri, architetti, geometri, geologi… Grazie all’Urbanistica condivisa, saremo in grado di migliorare nettamente la qualità dei servizi per i cittadini ed eviteremo inoltre gli attriti generati dalle scelte unilaterali».

La consulta nasce nell’ambito di un accordo siglato di recente dall’amministrazione Dipasquale, sindaco di Ragusa, e dall’Inarsind ragusano, il sindacato degli ingegneri e degli architetti liberi professionisti. «Un accordo – precisa Francesco Barone – che ha rappresentato un taglio netto col passato sulla strada della trasparenza anche nell’affidamento degli incarichi professionali».

Tra i punti centrali dell’intesa, conclude l’assessore, quello di «unificare il modello dei bandi; aumentare la possibilità di inclusione di professionisti giovani e senza esperienza negli incarichi, e di indicare nei bandi la data, il luogo e l’ora di apertura delle buste per dare a chiunque la possibilità di prenderne visione».