Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 18:26 - Lettori online 848
RAGUSA - 26/11/2008
Attualità - Ragusa - La giunta comunale si rivolge alla Regione

Ragusa, stato di calamità.
100mila euro di danni del vento

Rovinata la copertura della palestra comunale di via Aldo Moro
Foto CorrierediRagusa.it

Alberi e cartelloni pubblicitari divelti (nella foto), danni ingenti ai semafori, alla segnaletica stradale, alle abitazioni e alle recinzioni di cantieri. La furia del vento che ha flagellato la Sicilia durante lo scorso fine settimana non ha risparmiato Ragusa. «Secondo una stima sommaria, quindi provvisoria – afferma il sindaco, Nello Dipasquale – i danni ammontano a circa 100mila euro. Di fronte a un bilancio del genere, la Giunta comunale ha chiesto alla Regione lo stato di calamità».

Il vento fortissimo che si è abbattuto sul territorio comunale nelle giornate del 21, 22 e 23 novembre ha danneggiato anche la copertura della palestra comunale di via Aldo Moro e alcune strutture del teatro tenda di via Spadola. Sempre in via Aldo Moro, intorno alle 13 del 22 novembre, è stata sfiorata la tragedia: un cartellone pubblicitario, divelto dalle violenti raffiche, è caduto sopra alcune auto in coda davanti al semaforo situato all’incrocio con viale delle Americhe. Per fortuna il crollo ha provocato solo danni alle vetture. In altri quartieri, in particolare nel centro storico, tegole e calcinacci sono caduti su marciapiedi e auto in sosta.

«Tengo a precisare – sottolinea il primo cittadino – che i disagi e i rischi per i residenti sono stati limitati grazie all’intervento tempestivo ed efficiente della Protezione civile, dei Vigili del fuoco e di tutte le forze dell’ordine, che si sono impegnati anche in un costante monitoraggio delle zone con maggiori rischi, come le aree dove sono presenti abitazioni e tralicci dell’alta tensione».