Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:52 - Lettori online 747
RAGUSA - 26/11/2008
Attualità - Ragusa - L’opera presentata dal presidente della provincia Antoci

Ragusa: libro sulla sicurezza sul lavoro

L’autore Giuseppe Spadola: "Parole semplici per prevenire" Foto Corrierediragusa.it

«In materia di sicurezza sul posto di lavoro ci sono interni volumi di leggi e sanzioni. Ma sono pagine che vengono aperte quando il dramma si è già verificato. Un libro più semplice nei contenuti, ma incentrato sulla prevenzione, può invece dare un contributo enorme nell’impedire che accadano ancora incidenti del genere. Nel caso specifico, parliamo di un testo che intende diffondere la cultura della sicurezza sul lavoro soprattutto negli istituti scolastici, dove crescono i lavoratori di domani».

Così il presidente della Provincia, Franco Antoci, ha aperto la conferenza di presentazione del libro intitolato «Ritornare a casa», a cura di Giuseppe Spadola, presidente dell’Inarsind ragusano (il sindacato degli ingegneri e degli architetti liberi professionisti). All’incontro era presente anche il Provveditore agli studi di Ragusa, Cataldo Dinolfo. Il quale ha colto l’occasione per ricordare – dopo il crollo di un soffitto in una scuola piemontese che ha provocato la morte di uno studente – che le scuole della provincia «sono sicure, malgrado i problemi di fondi e le pastoie burocratiche».

«Il libro – ha spiegato Giuseppe Spadola – è rivolto agli studenti delle scuole medie e superiori, e sarà inserito, gratuitamente, nei programmi scolastici a seconda delle diverse modalità decise dai singoli istituti. La prima diffusione riguarderà la sola città di Ragusa, in seguito cercheremo di andare incontro alle richieste delle scuole di tutta la provincia. Questo testo nasce da uno scopo educativo, dalla necessità di diffondere tra i giovani la cultura della sicurezza sul lavoro, ma nasce anche come tributo a tutti i caduti sul lavoro di cui non ricordiamo né il volto né il nome».

Per le scuole primarie, invece, è disponibile un altro testo, «più idoneo al linguaggio dei giovanissimi – ha concluso Spadola – e scaricabile interamente e gratuitamente dal sito dell’Inarsind (www.inarsind.rg.it), al link ‘Ritornare a casa’».

(Nella foto da sx Cataldo Dinolfo, Franco Antoci e Giuseppe Spadola)