Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:23 - Lettori online 1025
RAGUSA - 24/11/2008
Attualità - Ragusa - A dicembre la fiera «Food and Hospitality» di Shanghai

Ragusa: al via il "Progetto Cina"

La partecipazione è aperta a tutte le aziende ragusane
Foto CorrierediRagusa.it

La filiera agroalimentare iblea si prepara a conquistare la Cina. Dal 4 al 6 dicembre il Comune di Ragusa sarà presente alla fiera «Food and Hospitality» di Shanghai per promuovere, con la partecipazione delle imprese ragusane del settore, i prodotti agroalimentari del territorio e per gettare le basi di un inserimento commerciale nel mercato cinese.

«La partecipazione al ‘Progetto Cina’ è aperta a tutte le aziende ragusane che operano nel comparto – ha detto il vice sindaco Giovanni Cosentini (nella foto), in conferenza stampa –. Le opportunità vanno al di là della fiera grazie agli eventi collaterali, prima e dopo la fiera. Per il 2 dicembre, ad esempio, è in programma una giornata di studio sull’import/export focalizzata in particolare sulle caratteristiche del mercato cinese, mentre il 7 dicembre ci sarà una serata di degustazione dei nostri prodotti».

«La trasferta a Shanghai – ha sottolineato Cosentini – permetterà alla nostra filiera agroalimentare di ritagliarsi uno spazio importante nel mercato cinese. Puntiamo su una domanda di nicchia, consapevoli della qualità e della sicurezza dei nostri prodotti, ma puntiamo anche su partnership con le imprese locali del comparto alimentare e turistico».

Le aziende del comparto agroalimentare interessate a partecipare alla fiera possono comunicare la propria adesione telefonando allo 0932/676630, oppure inviando una email al seguente indirizzo di posta elettronica: antonietta.rella@comune.ragusa.it. Il costo di partecipazione è di circa 3.000 euro, comprensivo del viaggio, dello stand e di altri servizi previsti per il «Progetto Cina».