Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 845
RAGUSA - 11/11/2008
Attualità - Ragusa - I commercianti ci prendono gusto e chiedono le mini notti

Ragusa: un successone la notte bianca

Potrebbe partire dai nottambuli il rilancio commerciale?
Foto CorrierediRagusa.it

Vogliono le Mini Notti Bianche. E un grande parcheggio, stile centro commerciale, in piazza Stazione. I commercianti del centro storico di Ragusa superiore non hanno dubbi: il successo di «pubblico» della seconda edizione della Notte Bianca va replicato, in formato ridotto, almeno una volta al mese. Il boom di affluenze non si è tradotto in un boom di incassi – su questo nessuno si era fatto illusioni – ma ha consentito a tanti negozi di prendere una bella boccata di ossigeno. E ha dato alla parte «vecchia» di Ragusa la consapevolezza di avere in realtà un volto giovane e piacevole, purché venga curato con regolarità, senza ricorrere ai maxi trattamenti delle grandi manifestazioni.

«Non c’è stata una grande corsa agli acquisti – racconta la titolare di un negozio di abbigliamento in via Roma – ma rispetto alla prima edizione, quando abbiamo chiuso la cassa prima delle 11, questa Notte Bianca è andata piuttosto bene. Da tempo non si vedeva via Roma piena di famiglie e di giovani, l’impressione era di aver fatto un salto indietro di oltre 10 anni, a quei sabati che riempivano il centro di vita. Tutto questo dimostra che per una buona ricetta anticrisi bastano pochi ingredienti: ridare vitalità al centro storico anche con piccoli eventi a cadenza mensile – penso a delle Mini Notti Bianche – e portare a termine al più presto il parcheggio di piazza Stazione».

Mini Notti Bianche e parcheggio in piazza Stazione: così, secondo altri commercianti di via Roma e corso Italia, si costruisce il salvagente per il quartiere di Ragusa centro e per i suoi negozi. «A mio avviso la Notte Bianca – sostiene il titolare di un altro negozio di abbigliamento, in corso Italia – non è stata né un successo né un fallimento per noi commercianti. Gli incassi sono andati abbastanza bene, come dovrebbero andare ogni sabato, se il centro storico non soffrisse di un’emorragia di potenziali clienti messi in fuga dall’incubo del posto auto impossibile e dalla desertificazione del quartiere durante i fine settimana. È vero, oggi le famiglie tirano la cinghia, eppure la folla che ha riempito la Notte Bianca non si è limitata a guardare le vetrine e a fare il pieno di pizze e panini. Il merito va certamente agli spettacoli e al servizio di bus navetta, due carte vincenti che però hanno messo a nudo i punti deboli del quartiere: l’assenza di eventi, anche piccoli, che attirino l’attenzione dei residenti durante i week end e l’assenza di un ampio parcheggio».

Quella dei piccoli eventi, delle Mini Notti Bianche, è un’idea condivisa da quasi tutti i commercianti che hanno visto sfilare davanti alle loro vetrine una folla di curiosi come non si vedeva da tanti anni. L’iniziativa, peraltro, era già stata proposta dall’assessore Francesco Barone durante un incontro con la stampa locale.

In quella occasione, il delegato all’Urbanistica e allo Spettacolo aveva accennato alla possibilità di mettersi al lavoro con altri enti pubblici e privati per dare qualche pennellata di bianco alla lunga notte del centro storico. Si vedrà. Nel frattempo – messi da parte progetti e tavoli istituzionali – assessore, sindaco e vice sindaco hanno preso posto su un carretto siciliano per dirigersi verso il cuore più dolce della festa, in viale Tenente Lena. Ad attenderli c’erano 100 metri di torta alla carruba preparati dall’Accademia dei pasticceri iblei. Gli unici a incassare il record del «tutto esaurito».

Giochi di luce per la notte bianca