Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:06 - Lettori online 1555
RAGUSA - 08/11/2008
Attualità - Ragusa - Occorre effettuare un versamento autonomo

Ici e Tarsu, entro fine mese bisogna mettersi in regola

In particolare i proprietari di aree edificabili e i titolari
di diritti reali su aree edificabili
Foto CorrierediRagusa.it

C’è tempo fino al 30 novembre per mettersi in regola con l’Imposta comunale sugli immobili (Ici) e con la Tassa sullo smaltimento dei rifiuti (Tarsu). A ricordare, in conferenza stampa, il termine ultimo concesso ai contribuenti per sanare le proprie posizioni tributarie sono stati il vice sindaco, Giovanni Cosentini, e l’assessore al Bilancio, Salvatore Roccaro (nella foto).

«Ci rivolgiamo – ha detto l’assessore al Bilancio – in particolare ai proprietari di aree edificabili e ai titolari di diritti reali su aree edificabili per evitare a questi soggetti il pagamento di sanzioni pecuniarie salate se gli accertamenti d’ufficio dovessero rilevare posizioni non in regola».

Per quanto riguarda l’Ici, le posizioni tributarie da regolarizzare vanno dal 2001 al 2006. La proroga concessa fino a 30 novembre per l’autodenuncia è rivolta: ai soggetti passivi dell’imposta comunale sugli immobili in quanto proprietari di aree edificabili, o titolari di diritti reali su esse, che non hanno presentato la dichiarazione prevista e non hanno versato l’imposta dovuta e ai quali non sono stati recapitati avvisi di accertamenti; ai proprietari o titolari di diritti reali su aree edificabili che hanno presentato la dichiarazione prevista ma con dati non conformi che incidono sull’ammontare del tributo (anche in questo caso in assenza di un avviso di accertamento); infine, ai titolari di immobili, o di diritti reali su immobili, che non risultano dichiarati in catasto oppure sono stati oggetto di variazioni edilizie (ampliamento di vani, recupero di nuove stanze con la chiusura di verande, ecc) senza aggiornamenti catastali. In quest’ultimo caso, prima dell’autodenuncia è necessario procedere alla regolarizzazione catastale.

Per mettersi in regola, occorre effettuare un versamento autonomo per ogni annualità arretrata e presentare apposita richiesta di autodenuncia attraverso un modulo predisposto dall’Ufficio tributi (per informazioni telefonare allo 0932/676715-716).

Anche per quanto riguarda la Tarsu, le posizioni tributarie da regolarizzare con autodenuncia vanno dal 2001 al 2006. La proroga concessa fino al 30 novembre è rivolta: a tutti coloro che non hanno presentato la denuncia prevista e non hanno versato la tassa dovuta, e ai quali non sono stati notificati gli avvisi di accertamento; ai soggetti che hanno già presentato denuncia ma con dati non conformi sull’ammontare della tassa (anche in questo caso in assenza di un avviso di accertamento).

Per mettersi in regola con la Tarsu, occorre presentare al Comune entro il 30 novembre un’apposita istanza redatta su un modello predisposto dall’Ufficio tributi (per informazioni telefonare allo 0932/676725-726).