Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:41 - Lettori online 901
RAGUSA - 15/10/2008
Attualità - Ragusa - Un laboratorio di scrittura creativa nelle scuole

Ragusa: "le storie di maga Frittella"

L’iniziativa è giunta alla sua seconda edizione Foto Corrierediragusa.it

«Le storie di Maga Frittella» vanno in scena nelle scuole di Ragusa. In programma – il calendario dell’iniziativa sarà pubblicato nei prossimi giorni – ci sono 25 rappresentazioni dedicate al mondo delle fiabe, che saranno recitate da Valeria Iacono del Centro teatro studi di Ragusa, diretto da Franco Giorgio. Il primo appuntamento, con un’ora di spettacolo interattivo, è fissato per il 18 ottobre al Circolo didattico «Paolo Vetri».

«L’iniziativa, giunta alla sua seconda edizione, è diventata un laboratorio di scrittura creativa – spiega il direttore artistico del Centro – le fiabe da portare in scena sono alcune tradizionali, altre scritte da giovani autori. In effetti si tratta di un percorso pedagogico che utilizza la sperimentazione teatrale come processo di formazione e di liberazione delle proprie potenzialità espressive. Lo spettacolo, strutturato in 4 racconti, si svolgerà in modo da consentire al giovane pubblico di interagire con la narrazione. Le recite, che partiranno il 18 ottobre e si concluderanno il 18 novembre, vedranno quindi i giovanissimi studenti del capoluogo ibleo vestire i panni di scrittori, attori, spettatori e narratori».

«Il successo della prima edizione – ha detto Venerando Suizzo, assessore alla Pubblica istruzione, durante la conferenza di presentazione dell’iniziativa – ci ha convinti della necessità di sostenere il teatro a livello locale non solo come elemento artistico-culturale, ma anche come percorso educativo in grado di sviluppare, in parallelo con le attività didattiche, la personalità e la creatività dei ragazzi. Vanno proprio in questa direzione tutti gli sforzi per il recupero dell’ex teatro della Concordia».

(Nella foto in alto da sx Franco Giorgio, Nello Dipasquale e Venerando Suizzo)