Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:35 - Lettori online 678
RAGUSA - 10/10/2008
Attualità - Ragusa - Lo dice il capogruppo consiliare Sd Giuseppe Calabrese

"No all´eolico? Ragusa ha perso appena 300mila euro"

Dipasquale: "Ne prendiamo atto. Abbiamo perso un’occasione".
Iacono (IdV): "Avevamo ragione: il tempo è galantuomo"
Foto CorrierediRagusa.it

Non un milione di euro di risorse in meno per la provincia iblea, ma "appena" 300mila, a causa delle mancate royalties che sarebbero derivate dall´avvio delle attività del parco eolico sull´altopiano degli iblei. Lo sostiene il capogruppo consiliare di Sd Giuseppe Calabrese (nella foto). "Ma quale milione - dice il consigliere - Ragusa ha perso solo briciole, salvaguardando in compenso il territorio".

Il progetto era stato stoppato dalla Giunta Regionale perchè avrebbe potuto causare un regresso economico per l´intera area.

L´amministrazione comunale era stata colta di sorpresa dal diniego. "Ne prendiamo atto come chiara volontà politica - dichiara il sindaco Nello Dipasquale, favorevole all´eolico - e traiamo le nostre conclusioni. Il territorio ha perso una valida occasione di sivluppo economico".


LA SODDISFAZIONE DEL COORDINATORE PROVINCIALE DI ITALIA DEI VALORI GIOVANNI IACONO

Riceviamo e pubblichiamo una nota di Giovanni Iacono, coordinatore provinciale di Italia dei Valori, in riferimento al "no" della Giunta Regionale all´eolico in provincia di Ragusa.

Il tempo è sempre galantuomo! La decisione della Giunta Regionale di bocciare il piano eolico della Ses è un giusto riconoscimento alle tante battaglie che ci hanno visto protagonisti in Consiglio Comunale ed a sostegno delle decisioni della Soprintendenza di Ragusa.

Sull´argomento abbiamo ricchissima documentazione su tempi, modalità e posizioni e su un iter alquanto anomalo che abbiamo sempre denunciato ed oggi prendiamo atto che le nostre energie e il nostro impegno non è andato disperso! Non sono serviti i pranzi, non sono servite le gite in autobus, non sono servite le cene, i panettoni e le sponsorizzazioni, non sono servite le false promesse di posti di lavoro.

Non è servita l´ingiustificatissima (per un rappresentante Istituzionale) partigianeria ed ostinazione del Sindaco di Ragusa che ha addirittura avviato contenzioso a difesa della società privata contro la Soprintendenza. La Giunta Regionale, con questo atto, ha difeso il territorio Ragusano (più dei Ragusani stessi) sancendo la valenza naturalistica, paesaggistica e turistica del ns. territorio.

In tutto il mondo, dicevamo già 4 anni fa, si diffonde il mini-eolico e non certo le mega centrali eoliche come quella che volevano installare a Ragusa (era la più grande centrale eolica d´Italia) e siccome siamo fortissimamente convinti dell´investimento sostenibile nelle energie rinnovabili, invitiamo la Giunta Regionale a chiudere il cerchio attraverso ciò che abbiamo anche chiesto fin dall´inizio : il rispetto della Legge attraverso la stesura del piano energetico ambientale regionale.

Il sindaco Nello Dipasquale Il coordinatore provinciale di Italia dei Valori Giovanni Iacono