Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:53 - Lettori online 1014
RAGUSA - 10/10/2008
Attualità - Ragusa - La toccante cerimonia all’istituto comprensivo "Hodierna"

Palloncini bianchi alti in cielo per salutare Amemi e Amira

I compagnetti delle due sorelline tunisine morte annegate
in una piscina hanno rivolto loro preghiere in italiano e in arabo
Foto CorrierediRagusa.it

«Un fremito d’ali di due angeli in volo al di sopra del mondo recherà con sé un alito d’innocenza e di purezza che sosterà amoroso su di noi». Questo uno degli evocativi pensieri messi nero su bianco dai piccoli alunni dell’istituto comprensivo «Hodierna» di Marina di Ragusa per ricordare le due compagnette di classe della seconda e quinta elementare , le sorelle tunisine Amemi e Amira, di 7 e 11 anni, morte annegate mercoledì scorso in una piscina destinata ad uso irriguo in una villa alle porte della frazione.

Una sobria e toccante cerimonia si è svolta nel piazzale della scuola. Con le loro voci innocenti i piccoli delle materne e delle elementari hanno salutato i palloncini bianche levati alti in cielo e sospinti dal vento in direzione della Tunisia, dove le due sorelline hanno trovato riposo eterno. I genitori hanno difatti deciso di dare loro sepoltura nella terra natìa.

I palloncini intesi come angeli bianchi che volano in cielo, con la leggiadria di una libellula che danza, come amavano fare le due sorelline per i corridoi della scuola. «Questa libellula d’argento apposta vicino a uno dei cartelloni – dice l’insegnante di Amemi, Arianna Mandolfo – è un modo per salutarle ricordandole per la loro allegria, la loro voglia di vivere».

«Sono certa che Amemi e Amira mi stanno salutando da lassù, e io saluto loro» ha detto una piccola compagna delle due sorelline, alle quali sono state rivolte delle preghiere in italiano e in arabo, con la lettura di passi del Vangelo e del Corano.

Presente anche il sindaco di Ragusa Nello Dipasquale, che ha proclamato il lutto cittadino. Bandiere a mezz’asta in tutti gli uffici pubblici di Ragusa.