Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:39 - Lettori online 665
RAGUSA - 08/10/2008
Attualità - Ragusa - Al via la 14ma edizione all’insegna dell’austerità

Anche "Ibla Buskers" risente della crisi economica

Dipasquale amareggiato: "Siamo davvero a corto di fondi"
Foto CorrierediRagusa.it

«Ibla Buskers» si tinge degli stessi colori, allegri e malinconici, dei suoi clown. La festa degli artisti di strada, giunta ormai alla sua 14ma edizione, ha preso il via con tanto entusiasmo ma con pochi spiccioli in tasca. Sempre meno.

«La manifestazione – ha ammesso il sindaco di Ragusa, Nello Dipasquale, durante la conferenza di presentazione del programma (disponibile nel sito www.iblabuskers.it) – è ormai a corto di fondi. Il costo dell’iniziativa grava per intero sulle spalle del Comune. Nel sostegno a questo progetto importante da tutti i punti di vista, da quello culturale a quello turistico, siamo rimasti soli. Non ci sono più gli aiuti, come avveniva nelle prime edizioni, di altri enti, locali e non. Siamo amareggiati, è vero, tuttavia non siamo disposti a mettere l’evento in soffitta».

Insomma, «Ibla Buskers» è sempre più al verde. Qualcuno fa notare che anche il cast 2008 degli artisti non sembra particolarmente variopinto: acrobati, giocolieri e clown, e poi giocolieri, clown e acrobati. Con qualche novità, come il palo cinese dei Zirkus Frak e il teatro nella sala Falcone e Borsellino («Non perdetevi la recita – raccomanda Francesco Pinna, presidente dell’associazione culturale «Edrisi», l’ente che organizza la manifestazione – e non dimenticate di lasciare qualcosa agli attori. Sono davvero in gamba, credetemi»).

Ma «qualcosa» bisognerebbe lasciarla anche per il servizio bus-navetta, forse. «Collegherà – ha detto il presidente Francesco Pinna in conferenza – Ragusa superiore con il quartiere barocco di Ibla, come nelle edizioni passate. Il servizio è garantito fino all’ultimo giorno della manifestazione, il 12 ottobre.

Giovanni Brugaletta, presidente della circoscrizione di Ibla, ha esternato le sue preoccupazioni all’amministrazione comunale e all’associazione «Edrisi»: «Ben venga la festa degli artisti di strada, occhio però ai rumori che disturbano la quiete dei residenti…». Nessun problema, almeno, sul fronte della viabilità: i lavori per il rifacimento della pavimentazione di piazza Pola sono stati rinviati a dopo la manifestazione. I cantieri – che in un progetto più ampio puntano alla sistemazione di corso XXV aprile – apriranno il 13 ottobre e nell’arco di 7 mesi (salvo imprevisti) consegneranno ai residenti il nuovo volto di Ibla. Ammaliante e malinconico. Come quello dei clown.

(Nella foto in alto da sx Francesco Pinna, il sindaco Dipasquale e l´assessore Arezzo)