Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 2 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:28 - Lettori online 1146
RAGUSA - 19/10/2016
Attualità - Consegne effettuate già nello scorso mese di febbraio

Cimitero Ibla, loculi difformi? Cittadini chiedono chiarezza

Realizzati 840 loculi e 160 cellette ossario ma il progetto fu cambiato in corso d’opera Foto Corrierediragusa.it

I cittadini che hanno acquistato un loculo al cimitero di Ibla (foto) vogliono chiarezza. I loculi non sarebbero infatti conformi al progetto anche è stato loro presentato ed alcuni acquirenti hanno persino chiesto di essere rimborsati o almeno che si apportino delle migliorie. Il consigliere Elisa Marino si è fatta carico del problema e dice. «Le consegne sono già state effettuate nello scorso mese di febbraio. Da allora ad oggi, i cittadini dopo aver pagato con largo anticipo il dovuto sulla carta, chiedono di rimediare ai problemi emersi. Per questo motivo abbiamo deciso di rendere pubblico questo disagio nella speranza di fare cambiare idea all’Amministrazione comunale. Ammontano a 840 i loculi realizzati assieme a 160 cellette ossario. Il fatto è che il progetto iniziale è stato cambiato in corso d’opera, in maniera unilaterale. Chi aveva acquistato i loculi in un determinato modo, se ne è visti consegnare di altro tipo senza la possibilità di recedere (se lo avessero fatto, avrebbero perduto metà dei soldi già investiti). Ricordiamo che in media ogni loculo è stato pagato circa 2.200 euro. Inizialmente era stato previsto un locale unico con copertura. Copertura di cui invece, allo stato attuale, non c’è traccia perché sono state apportate delle varianti progettuali. In più sono stati registrati dei difetti tecnici nelle coperture. I giunti di dilatazione in orizzontale non sono sigillati. E questo significa che potrà accumularsi acqua, in caso di pioggia, o peggio ancora sporcizia. Insomma, sembrerebbe che le norme di buona esecuzione dell’opera non siano state rispettate. In più nella via d’accesso compresa tra le strutture che ospitano i loculi non ci sono le griglie di scolo dell’acqua. Significa che quando c’è la pioggia, questa via d’accesso si trasformerà in un ruscello. Ci sono 24 pluviali che scaricano tutti in un’unica stradina. Sarebbe bastata una canaletta alla base del pluviale».

Una delegazione ha incontrato l’assessore Gianluca Leggio al quale sono state presentate le rimostranze dei titolari dei loculi ma nessuna risposta è ancora arrivata agli interessati.