Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 14:58 - Lettori online 860
RAGUSA - 15/10/2016
Attualità - La donna era originaria di Messina

Il nobile gesto di Jenny salva 6 vite

E’ stato il marito a far rispettare le volontà della moglie, che lascia 2 figli Foto Corrierediragusa.it

Aveva espresso alla sua famiglia la nobilissima volontà di donare gli organi quando sarebbe giunto il momento, e così è stato. Giovanna Ardiri, 40 anni, ha così fornito la preziosa chance di poter vivere ad altre persone che la ringrazieranno per tutta la vita. Conosciuta come Jenny, sposata e madre di due figli, nata a Messina ma residente a Ragusa, dove gestiva una scuola di inglese per bambini, la donna ha donato cuore, polmoni, fegato e reni, a seguito del decesso causato da un’ischemia all’encefalo. Gli organi sono stati prelevati nel corso di un lunghissimo intervento, cominciato nel pomeriggio di venerdì e concluso attorno alle 14 sabato, nel reparto di Anestesia e Rianimazione dell’ospedale Cannizzaro di Catania, dove la donna era stata trasferita tre giorni fa, dopo il primo ricovero nell’ospedale di Ragusa.

La generosa donna, come accennato, aveva manifestato di essere favorevole alla donazione degli organi, e così sono stati i suoi familiari ad esprimere ai medici il consenso al prelievo: «Sarebbe stato un peccato non farlo, sappiamo che tante persone in queste ore potrebbero ricevere una telefonata che annuncia loro che possono continuare a vivere», ha detto il marito ai medici dell’ospedale Cannizzaro. In effetti, grazie all´altruismo di questa famiglia, più persone potranno beneficiare del dono di Giovanna: i polmoni sono destinati a Padova, il cuore a Palermo, il fegato emilato sinistro a Bergamo ed emilato destro a Palermo, i reni a Palermo e a Catania. In pratica il nobile gesto consentirà ad altre 6 persone di poter vivere una vita normale.

Si tratta del secondo prelievo multi organo in una settimana all’ospedale Cannizzaro, dopo quello di sabato scorso da parte della 57enne Rosina Patti, di Biancavilla, che ha donato fegato e reni.