Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:37 - Lettori online 948
RAGUSA - 11/10/2016
Attualità - La denuncia del movimento "Insieme" e dell’associazione Sicilia Costa Iblea

I turisti a Marina ma l´ufficio informazioni è chiuso

Il permanere del bel tempo favorisce le presenze non adeguatamente incentivate Foto Corrierediragusa.it

Porta chiusa, turisti in cerca di informazioni per strada o dai negozianti. Il bel tempo resiste e i turisti vanno ancora al mare ma a Marina l’ufficio di informazioni turistiche non è più attivo (foto) anche se le presenze nelle strutture ricettive di tutta la fascia costiera sono confortanti. La denuncia del movimento «Insieme» ha posto il caso sul tappeto. Scrive «Insieme»: «Dopo la festa di addio all´estate, come sempre scende il sipario su Marina di Ragusa, i problemi rimangono, tutto si rimanda alla prossima stagione, tanto la festa è finita e gli amici se ne vanno. Ma non è cosi, per rendersene conto invitiamo gli autori di questa scelta scellerata e lesiva nei confronti di un vero progetto di sviluppo turistico della frazione, a venire a Marina e constatare con i propri occhi, specialmente durante le ore pomeridiane e serali quando avviene una vera e propria invasione. Lo diciamo da tanto tempo, non serve arroccarsi con le proprie idee, bisogna vedere e conoscere la realtà ed attraverso un dialogo trovare le giuste soluzioni solo nell´interesse della città».

Anche l’associazione turistica Sicilia Costa Iblea, che raggruppa le strutture turistiche della frazione, ha lanciato un appello chiedendo che il servizio di informazione ai turisti venga mantenuto non solo ad ottobre ma anche a novembre favorendo peraltro la tanta invocata destagionalizzazione. «Avevamo chiesto che una parte dei proventi derivanti dalla tassa di soggiorno venissero utilizzati per questo servizio, evidentemente non è stato così», dicono gli operatori del settore.