Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:37 - Lettori online 928
RAGUSA - 01/10/2016
Attualità - Catanese, 43 anni, con esperienze all’estero, si è formato alla scuola del prof. Basile

Gianluca Di Mauro nuovo primario chirurgia al "Civile"

Dopo un laborioso il processo di autorizzazione per indire il concorso Foto Corrierediragusa.it

Gianluca Di Mauro (foto) è il nuovo primario di Chirurgia all’Ospedale Civile di Ragusa. Il direttore generale dell’Asp, Maurizio Aricò, ha adottato la delibera di nomina dopo avere avuto il via libera dall’assessore regionale alla sanità. Il neo responsabile di Chirurgia si è già insediato. Gianluca Di Mauro, catanese, 43 anni, è allievo della scuola chirurgica catanese di Francesco Basile. Ha già un curriculum di tutto rispetto, arricchito anche da esperienze prolungate all’estero. Il suo arrivo arricchirà fortemente la competenza tecnica del team del «Civile» anche nell’ambito della chirurgia laparoscopica e oncologica. Dice il direttore sanitario, Giuseppe Drago: «Contiamo già dalle prossime settimane su una riduzione delle migrazioni fuori provincia, con la possibilità di eseguire tempestivamente interventi di grande complessità che in precedenza inviavamo altrove. Siamo certi che questo contribuirà alla sicurezza ma anche al comfort dei pazienti».

Arrivare alla nomina del primario di chirurgia è stato laborioso visto che il processo di autorizzazione risale all’ agosto 2014. Ottenuta la autorizzazione dall’assessore Borsellino nella primavera 2015, è stato indetto il concorso chiusosi nel luglio scorso. «La nomina del nuovo primario- dice Maurizio Aricò- mette fine ad una carenza grave che ha limitato le capacità funzionali del reparto e contribuito alle migrazioni fuori provincia di pazienti che non trovavano risposta ai loro bisogni».