Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:06 - Lettori online 1275
RAGUSA - 27/09/2016
Attualità - Interessata soprattutto la fascia costiera da S. Croce a Pozzallo su un’area di un migliaio di ettari

Carrubi sotto attacco, lo scolitide rosicchia i tronchi

E’ un coleottero che scava nei fusti, gli alberi evidenziano folle ingiallite Foto Corrierediragusa.it

Carrubi sotto attacco. Il coleottero scolitide scava i fusti centenari degli alberi ed aprono dei veri propri canali drenando linfa vitale. Sono già un centinaio le segnalazioni agli uffici della condotta agraria e all´ispettorato provinciale all´agricoltura. Le colture interessate sono spalmate su un migliaio di ettari nel territorio ibleo particolarmente ricco di carrubbi, albero che ne caratterizza il paesaggio sia nell’entroterra sia nella fascia a monte della costa. Proprio nella zona di Pozzallo già nel mese di agosto si sono manifestate i primi ingiallimenti della foglia del carrubbo che sono determinati dall’azione del coleottero.

I tecnici dell’ispettorato hanno pensato in un primo momento all’azione di roditori ma hanno trovato poi larve di coleottero all’interno degli alberi. Colpito anche un terreno alla periferia di Scicli. Su un patrimonio arboreo di 300 mila ceppi censiti sono 100 mila gli alberi che evidenziano folle ingiallite e il tronco rapidamente rosicchiato. La superficie si estende da Santa Croce Camerina fino alle contrade rurali di Scicli e Pozzallo. Se non si riuscisse a combattere l’azione del coleottero il danno economico per aziende e imprenditori agricoli sarebbe enorme considerando che un albero vale tra i 500 e i mille euro oltre al danno al paesaggio.