Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 864
RAGUSA - 22/09/2016
Attualità - La notizia ufficializzata nel corso della celebrazione del patrono del Corpo

Vittoria, Tenenza Finanza elevata a Compagnia

Il reparto ha competenza territoriale anche su Acate e Comiso, dove sono concentrate oltre 9.300 partite Iva Foto Corrierediragusa.it

La Tenenza di Vittoria della Guardia di finanza è stata elevata a rango di Compagnia nell´ambito di una revisione organizzativa disposta dal Comando Generale delle Fiamme Gialle. La notizia è stata ufficializzata nel corso della festa del patrono del Corpo, S. Matteo. La cerimonia si è tenuta nella cattedrale di s. Giovanni alla presenza delle autorità civili e militari del territorio, celebrata dal vescovo, Mons. Carmelo Cuttitta (foto). I vertici delle Fiamme Gialle hanno dato così risposta alla crescente richiesta di sicurezza dei cittadini, anche sotto il profilo economico, ha determinato una presenza adeguata del Corpo con conseguente aumento del proprio organico, idoneo e corrispondente a soddisfare le esigenze della collettività, dell´autorità Giudiziaria e della funzionalità dell´aeroporto ´Pio La Torre´.

Il reparto, che continua ad essere guidato dal Tenente Andrea Casamassima, ha competenza territoriale sui comuni di Vittoria, Acate e Comiso, dove sono concentrate oltre 9.300 partite Iva, con una popolazione di circa 105.000 abitanti rispetto ai 320.000 di tutta la provincia iblea. «Più in generale - rileva il Comando provinciale delle Fiamme Gialle - la manovra di revisione si inquadra in un più ampio progetto di rafforzamento dei presidi della Guardia di Finanza sul territorio finalizzato al conseguimento degli obiettivi strategici programmati in tema di lotta all´evasione fiscale, agli sprechi di denaro pubblico e alla repressione della criminalità organizzata».