Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 9:40 - Lettori online 1433
RAGUSA - 18/09/2008
Attualità - Ragusa - Si avvia a conclusione l’iter che interessa 226 unità

Stabilizzazione di contrattisti
e precari: colloqui terminati

Soddisfatto il sindaco Dipasquale: "Nuova linfa per i servizi" Foto Corrierediragusa.it

Si sono conclusi i colloqui (nella foto) per la stabilizzazione del personale contrattista e comunque precario del Comune. Sono state sottoposte al colloquio, da parte di tutte le Commissioni esaminatrici presiedute dal Direttore Generale Giuseppe Salerno, complessivamente 172 unità relativamente alle categorie C e D alle quali si aggiungono altre 54 unità che saranno stabilizzate in categoria A e B sulla base della sola valutazione dei titoli.

Il Settore Personale provvederà adesso alla formazione delle graduatorie per i vari profili ed alla predisposizione dei contratti a tempo indeterminato che saranno sottoscritti prossimamente.

Il Sindaco, Nello Dipasquale ha espresso personale soddisfazione e quella dell’Amministrazione Comunale per l’impegno con il quale tutti i candidati hanno affrontato la prova di esame, per le spiccate qualità e professionalità che sono emerse in numerosi casi e per la rapidità con la quale, pure nella massima serietà ed impegno, sono stati portati a termine i colloqui.

«Tale soddisfazione - dichiara il primo cittadino - riguarda principalmente le prospettive che si aprono adesso per il personale interessato e per i servizi comunali che troveranno nuova linfa in considerazione della innegabile serenità nel lavoro che la stabilizzazione determina; si completa così, nel breve volgere di appena due anni - afferma ancora il Sindaco Dipasquale - una complessa fase che ha visto l’Amministrazione Comunale impegnata per dare a tutto il personale, attraverso le progressioni verticali al personale a tempo indeterminato e la stabilizzazione del personale precario, prospettive nel lavoro secondo le legittime aspirazioni di ciascuno e che potranno consentire al Comune di raggiungere ancora migliori performance nell’interesse dei cittadini».