Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 18:19 - Lettori online 964
RAGUSA - 05/09/2016
Attualità - E’ successo all’interno della scuola materna dell’istituto Salvatore Quasimodo

Alberi tagliati, invocate dimissioni assessore

Corallo sotto accusa: "Le sue scelte non convincono" Foto Corrierediragusa.it

Il Movimento Insieme composto da Maurizio Tumino, Angelo La Porta, Giorgio Mirabella, Elisa Marino e Peppe Lo Destro in consiglio comunale denunciano fortemente il taglio di nove alberi di pino effettuato più di un mese fa all´interno della scuola materna dell´istituto Salvatore Quasimodo di via Portovenere a Marina di Ragusa. «Purtroppo e lo diciamo con rammarico - si legge nella nota - non è bastato circa quattro mesi fa il nostro intervento per scongiurare il taglio di alcuni alberi di pino posti al confine tra la scuola materna e la caserma dei Carabinieri, intervento che era stato programmato solo perché qualche ramo era di ingombro al sistema di video sorveglianza della stessa caserma. Se era questo il motivo così come ci è stato detto,non bastava un semplice intervento di potatura? E poi visto che il problema erano gli alberi posti al confine,come mai sono stati tagliati anche altri alberi lungo il perimetro della struttura scolastica? Crediamo e speriamo che non sia cosi che il fine di tutto ciò è di arrivare all´eliminazione totale di tutti gli alberi. L´incaponimento in certe scelte fa emergere l´incompetenza ed l´inadeguatezza da parte dell´assessore al verde pubblico Salvatore Corallo».

Il Gruppo Insieme aggiunge: «Non è possibile vedere ridotto in questo stato uno spazio a verde dove i bambini da sempre durante i mesi autunnali e primaverili hanno svolto le loro attività didattiche all´ombra dei pini. Il prato inglese non esiste più, per mancanza di manutenzione e gli alberi man mano vengono segati (foto), chissà tra qualche mese che cosa rimarrà. Restare silenti di fronte a certe scelte non ci appartiene,anzi visto i precedenti interventi da "boscaioli" professionisti effettuati in diversi siti della città - chiude la nota - chiediamo fortemente le dimissioni dell’assessore».


uno scempio
06/09/2016 | 9.41.54
franco

uno scempio chiamato potatura...hanno danneggiato il patrimonio verde della frazione..in maniera irrimediabile...alberi di decine di metri privati del 70 percento di tutta la ramificazione...non si può chiamare potatura lo scempio fatto...