Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 876
RAGUSA - 30/08/2016
Attualità - Gesto di grande umanità dei familiari

Una turista maltese muore a Vittoria e dona gli organi

La donna, che aveva 56 anni, è deceduta al "Guzzardi" Foto Corrierediragusa.it

Ancora un grande gesto di umanità scaturito da un evento luttuoso. La direzione Asp di Ragusa ha difatti reso noto che, a seguito del decesso della signora C.B., 56 anni, di nazionalità maltese, in vacanza a Marina di Ragusa, avvenuto per danno cerebro-vascolare nella rianimazione dell’ospedale "Guzzardi" di Vittoria, grazie alla generosità dei familiari che hanno fornito il loro consenso, è stato possibile intraprendere il percorso di donazione degli organi. Una equipe dell’Ismett di Palermo ha eseguito il prelievo multiorgano, con il supporto dei dirigenti medici dell´unità operativa di anestesia e rianimazione di Vittoria Luca La China e Linda Lo Magno. Gli organi espiantati sono quindi stati avviati ai centri clinici selezionati dalla commissione nazionale per il trapianto: il cuore è stato inviato tramite eliambulanza del 118 all’Ismett di Palermo. Il fegato, con un aereo privato decollato dall’aeroporto di Comiso, ha raggiunto il policlinico di Bari. Un rene, con una squadra della Croce rossa di Ragusa, è stato inviato al policlinico di Catania e infine l’altro rene è stato donato all´Ismett tramite la stessa equipe di prelievo.

Le operazioni di prelievo sono state coordinate dal referente locale trapianti Sebastiano Tiralongo. Il direttore generale Asp Ragusa Maurizio Aricò ed il direttore sanitario Pino Drago, che hanno seguito accuratamente tutte le fasi della procedura, a nome dell´azienda esprimono la loro «Vicinanza alla famiglia per il lutto e la ringraziano, anche a nome dei pazienti beneficiari degli organi trapiantati, per il gesto di grande umanità che restituisce una speranza di vita a numerosi altri pazienti».