Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:38 - Lettori online 903
RAGUSA - 09/08/2016
Attualità - Il picco è tuttavia atteso nella notte tra giovedì e venerdì

Le Perseidi illumineranno la notte di S. Lorenzo

Le spiagge luoghi preferiti per ammirare lo spettacolo offerto dagli sciami di meteore Foto Corrierediragusa.it

Sarà un S. Lorenzo ritardato. Il picco delle stelle cadenti è infatti previsto per la notte tra giovedì e venerdi dal tramonto della Luna fino alle prime luci dell´alba. Le stelle cadenti, meglio definite come lo sciame meteorico delle Perseidi, causate dai rimasugli del passaggio della cometa Swift-Turtle. Sono state quest’anno visibili già dal 17 luglio e lo spettacolo si concluderà intorno al 24 agosto.

Tenuto conto che il 18 agosto ci sarà la Luna piena a rendere l´osservazione più difficile, le notti dal 10 al 14 agosto sono le più indicate per l´osservazione. La notte di S. Lorenzo tuttavia sarà comunque illuminata non solo dallo sciame delle Perseidi ma anche da altri sciami di meteore, insieme a una girandola di incontri ´ravvicinati´ della Luna con i pianeti e dei pianeti fra loro, con Marte e Saturno che si saluteranno da vicino, come faranno anche Venere e Giove. In concomitanza con la notte di San Lorenzo, torna il tradizionale appuntamento ´Notti delle stelle-Calici stelle´, l´iniziativa ideata dal Movimento Turismo Vino e promossa dall´Associazione Nazionale Città del Vino, con la collaborazione della Uai. In programma manifestazioni enograstronomiche in tutta Italia e osservazioni del cielo con i telescopi. La notte di S. Lorenzo porta sulle spiagge migliaia di persone che approfittano dell’appuntamento con le stelle cadenti per trascorrere la notte in riva al mare.