Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:45 - Lettori online 896
RAGUSA - 04/08/2016
Attualità - Progetto in collaborazione con la Fondazione S. Giovanni Battista

Ragusa, 8 orti urbani e riqualificazione aree verdi

Atteso finanziamento di 2 milioni di euro da parte della "Fondazione con il Sud" Foto Corrierediragusa.it

Otto orti e la riqualificazione di spazi urbani. Lo prevede il progetto della giunta comunale, redatto in collaborazione con la Fondazione San Giovanni Battista. L’iniziativa, nata dalla partecipazione della Fondazione San Giovanni Battista, con il progetto «Città Nostra», ammesso alla fase esecutiva, ad un apposito bando da 2 milioni di euro complessivi emanato dalla Fondazione con il Sud, prevede, in caso di finanziamento, la realizzazione di otto orti floreali in altrettante aree verdi urbane della città in stato di abbandono o degrado, e di un Urban Center, identificato nella riqualificazione di spazi urbani, attraverso attività di arte migrante e di installazioni da esporre in spazi pubblici. L’attività, in quest’ultimo caso, sarà svolta presso l’ex-CPTA di via Colajanni.

Tra le aree preliminarmente individuate per la realizzazione degli orti floreali e degli spazi di aggregazione, secondo quanto previsto dal progetto, figurano l’area verde di via Licitra, quella di via Forlanini e quella di via delle Dolomiti. Il Comune, secondo quanto previsto dalla delibera di Giunta, oltre a condividere i contenuti del progetto, provvederà, se ammesso a finanziamento, a tutti gli adempimenti tecnici per la piena realizzazione dello stesso. Inoltre è previsto l’utilizzo di spazi pubblici per le installazioni di poster art, sculture, tele e stands espositivi nel Centro Storico, con particolare riferimento all’area di via Roma, in prossimità della rotonda Maria Occhipinti, che, al termine dell’iniziativa, sarà interessata dalla redazione di un progetto esecutivo di riqualificazione.