Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 17:16 - Lettori online 901
RAGUSA - 29/07/2016
Attualità - Una mozione di indirizzo approvata in consiglio comunale 8 mesi fa

Biblioteca più aperta alla città, servono nuovi orari

Iniziativa dei due circoli dem "Tumino" e "Rinascita" per sollecitare l’amministrazione Foto Corrierediragusa.it

Serve una biblioteca comunale (foto) più aperta. Lo chiedono giovani e studenti alla luce di orari di apertura della biblioteca che poco si confanno con le esigenze di quanti vogliono usufruirne a tempo pieno. La biblioteca resta infatti chiusa nei pomeriggi di lunedì, mercoledì e venerdì Una mozione di indirizzo presentata dal gruppo Pd era stata votata dal consiglio comunale otto mesi fa ma ancora non è stato preso alcun provvedimento da parte dell’amministrazione tanto da indurre i giovani dem e i circoli «Rinascita» e «Tumino» a tornare alla carica per arrivare ad una apertura di 36 ore la settimana.

Dice il capogruppo Pd Mario D’Asta: «Coltiviamo una idea di biblioteca per renderla ancora un centro di elaborazione culturale e di aggregazione per tutte le associazioni culturali di Ragusa. Dobbiamo fare in modo che la "casa del sapere" sia attraente per tutte le fasce generazionali della nostra città. Nessun attacco politico ma giusto la necessità di sottolineare che questo provvedimento del rilancio della biblioteca comunale deve essere assunto il prima possibile. Vorremmo che da settembre, quando dopo le ferie estive sarà possibile pianificare il nuovo anno con maggiore attenzione, il sindaco prenda a cuore questa vicenda e decida di agire il prima possibile. Il sindaco, in definitiva, abbia rispetto della città e del massimo consesso civico dato che è già da tre volte che non si presenta in Consiglio comunale per discutere la nostra interrogazione. E il presidente del Consiglio richiami il sindaco, facendo sì che ci sia il massimo rispetto per il civico consesso e i consiglieri".