Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:18 - Lettori online 512
RAGUSA - 27/07/2016
Attualità - La presentazione del progetto all’ex cinema Ideal alla presenza del prefetto e del sindaco

Via ai lavori del polo museale "Jesu" a Ibla con 7 milioni

Un anno per il restauro del pregevole immobile, dove sarà ospitato il museo archeologico Foto Corrierediragusa.it

Parte il cantiere per la realizzazione del progetto museale «Jesu». Sarà ospitato nel convento di S. Maria del Gesù (foto) nel cuore del quartiere barocco grazie ad un finanziamento derivante da fondi Pon che ha assegnato a Ragusa quasi 7 milioni di euro che si sommano ai quasi 3 miliardi delle vecchie lire spese tra il 2001 e il 2004 per il primo recupero dell’imponente immobile. I lavori sono stati consegnati all’impresa Sikelia e dovrebbero essere conclusi entro un anno. Arrivare al finanziamento del progetto è stato un iter lungo che ha avuto numerosi intoppi di natura burocratica ma che alla fine non hanno precluso l’avvio del progetto.

Tutto dimenticato alla presentazione del polo museale della città, così come illustrato nella sala dell’ex cinema Ideal dal sovrintendente Calogero Rizzuto e dal suo braccio destro Giorgio Battaglia alla presenza del prefetto Maria Carmela Librizzi, del sindaco Federico Piccitto e del parlamentare Nello Dipasquale che per primo avviò la pratica per l’ulteriore finanziamento nel 2010. Giorgio Battaglia ha spiegato che il polo museale archeologico sarà molto innovativo all’insegna dell’interattività, con tecnologie avanzate anche per gli ipovedenti. Il percorso illustrerà la storia della città dall’età greco-romana, a quella bizantina grazie al recupero di un gran numero di reperti ancora inediti. Nella chiesetta annessa al complesso saranno ospitati i reperti medievali fino ad arrivare al terremoto del 1693.