Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:18 - Lettori online 749
RAGUSA - 23/07/2016
Attualità - La relazione della Corte dei Conti ha elencato 337 prestazioni esterne nel 2015

Consulenze Asp, Pd interroga ministro. Aricò: "Regolare"

I senatori chiedono numeri e dati disaggregati relativi alla tipologia delle consulenze e collaborazioni Foto Corrierediragusa.it

Sulle consulenze all’Asp si muove il Pd ma il direttore generale, Maurizio Aricò (foto) rimanda le accuse al mittente. Il caso riguarda le 337 consulenze che una relazione della Corte dei conti di Palermo ha attribuito all’Asp ragusana collocandola prima in Sicilia anche rispetto a quelle ben più grandi di Catania e Palermo. Sulla base della relazione 11 senatori del Pd, prima firmataria Venerina Padua, hanno presentato una interrogazione a risposta scritta al ministro della Salute, Beatrice Lorenzin. Al ministro i senatori chiedono di fornire i numeri e i dati disaggregati relativi alla tipologia delle consulenze e collaborazioni di cui si è avvalsa l’Asp 7 nel corso del 2015 e di verificare «l’opportunità di tale scelta, in termini costi-benefici, compiuta dall´amministrazione sanitaria ragusana».

Il direttore generale Maurizio Aricò in una sua nota ha cercato di fare chiarezza ed ha precisato che 159 delle 337 consulenze sono prestazioni erogate da dipendenti della stessa azienda per il miglioramento dei servizi, altre 76 prestazioni, classificate come consulenze, sono state richieste a professionisti in regime di collaborazione temporanea grazie da una selezione pubblica per titoli ed esami per lo svolgimento i attività di sviluppo finanziate dal piano sanitario nazionale che l’azienda dove a mettere in essere per utilizzare i fondi assegnati dal Piano sanitario nazionale. Tra le consulenze la Corte dei conti ha annoverato anche le collaborazioni con alcuni istituti religiosi per l’assistenza i malati.