Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:23 - Lettori online 951
RAGUSA - 18/07/2016
Attualità - La decisione ufficialmente presa per motivi logistici ed organizzativi

Festa nazionale Unità a Catania. Ragusa è fuori

Si terrà dal 28 agosto all’11 settembre, "solo" un convegno sull’immigrazione a Pozzallo Foto Corrierediragusa.it

Da Ragusa a Catania. La Festa nazionale dell’Unità, in programma da 28 agosto all’11 settembre, cambia sede. Era stata infatti annunciata nel ragusano dallo stesso segretario nazionale del Pd, Matteo Renzi, ma negli ultimi giorni il programma è cambiato. La festa si terrà nella Villa Bellini (foto) a Catania anche se nel fine settimana si terrà un convegno sull’immigrazione a Pozzallo. Pare che alla base della decisione dei vertici nazionali del Pd ci siano stati problemi logistici ma anche l’opportunità di assicurare una platea molto più vasta di pubblico non potesse ottenere la «piccola» Pozzallo, Punta Secca o Ibla.

"Siamo molto felici di portare la nostra Festa nazionale al Sud, e´ la prima volta dalla nascita del Partito Democratico", afferma in una nota il tesoriere del Pd Francesco Bonifazi. "Per quindici giorni la Sicilia, uno dei territori più belli del mondo, sarà al centro del dibattito politico con tanti protagonisti. Come sempre, sarà una festa ricca di appuntamenti ed eventi, in cui approfondiremo tutti i temi che riguardano l´Italia e in particolare il Mezzogiorno, a partire da immigrazione e accoglienza. Senza dimenticare, naturalmente, le riforme, visto che proprio in quel periodo la campagna referendaria entrerà nel vivo". Non una parola da parte dei vertici nazionali del Pd sul cambiamento di rotta dopo l’annuncio, seppur ufficioso, di Matteo Renzi appena due settimane fa con parole che esaltavano la bellezza dei luoghi di Montalbano e l’opportunità di riconoscere il ruolo importante che Pozzallo ha nell’affrontare il problema dell’immigrazione.