Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:38 - Lettori online 754
RAGUSA - 12/09/2008
Attualità - Ragusa - Spettacolo indegno nei pressi della diga di Santa Rosalia

I "frutti" dellalbero velenoso, ora il pattume pende dai rami

Serve maggior senso civico dei residenti e più impegno dellAto Foto Corrierediragusa.it

A Ragusa la sensibilizzazione al rispetto dell’ambiente ha prodotto i primi frutti? sugli alberi. Lo si vede chiaramente sulle sponde della diga di Santa Rosalia, dove è facile imbattersi in rami carichi di sacchi gonfi e maturi di ogni tipologia di rifiuti (nella foto): dalle bottiglie di plastica alle batterie usate. Buste ben chiuse e sistemate con cura tra le fronde che circondano lo specchio d’acqua.

Quello che si dice il "frutto" dellalbero velenoso. Non è un risultato da poco: sotto, all’ombra di queste caricature di alberi di natale, non si contano le mini discariche e i tappeti di profilattici.

Adesso però occorre incentivare l’educazione ambientale per compiere il salto di qualità successivo: i rifiuti non devono pendere dai rami, stanno meglio negli appositi cassonetti. Un passaggio di civiltà che richiede in primo luogo un maggior senso civico da parte dei residenti del capoluogo ibleo, ma anche da parte dell’Ato (Ambito territoriale ottimale) Ambiente Ragusa attraverso progetti concreti.

Iniziative che vadano ben oltre le sfilate e gli spettacoli di sensibilizzazione, come quello tenutosi a Comiso il 3 settembre con gli «Amici di Maria De Filippi», che si sono esibiti in occasione della «Giornata Verde» mentre la diga di Santa Rosalia esibiva ai turisti di passaggio uno spettacolo tutt’altro che verde.