Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:37 - Lettori online 570
RAGUSA - 13/07/2016
Attualità - Sanzioni che vanno da 25 a 500 euro oltre alle spese sostenute

A Marina rimozione bici fuori dalle rastrelliere

Saranno custodite presso il deposito della Comando di Marina dove rimarranno per un mese Foto Corrierediragusa.it

Rimozione forzata anche per le bici. L’amministrazione usa il pungo duro anche i possessori di bici che non utilizzano le rastrelliere. L’ordinanza firmata dal sindaco che le biciclette fissate ai pali della luce, segnaletica stradale, cartelli pubblicitari, monumenti, ringhiere, alberi, dissuasori di sosta, muretti che comunque ostruiscano i passaggi pedonali, ciclabili e marciapiedi, compromettendo la sicurezza dei pedoni, siano rimosse.

Nell´ordinanza si dispone che il concessionario del servizio di rimozione provveda di concerto con il personale della Polizia Municipale, alla rimozione. Le biciclette o parti di ciclomotori e motocicli non più funzionati che non presentino i riscontri oggettivi che permettano di risalire al proprietario, saranno rimossi e portati presso il deposito del Comando di Polizia Municipale di Marina e saranno custoditi a titolo gratuito per un periodo di 30 giorni decorsi i quali senza che il legittimo proprietario ne reclami la restituzione, l´Amministrazione comunale provvederà alla rottamazione presso i centri autorizzati.

Le biciclette funzionanti, invece, una volta rimosse, saranno custodite presso il deposito della Comando di Marina dove rimarranno per 30 giorni. Dopo tale termine senza che il legittimo proprietario ne reclami la restituzione, il veicolo seguirà la disciplina prevista dall´art. 927 e seguenti del Codice Civile. La proprietà del mezzo rimosso potrà essere dimostrata con l´esibizione della chiave del lucchetto o la presentazione della combinazione numerica delle chiusura o con altro mezzo idoneo a comprovarne la proprietà. La restituzione dei mezzi rimossi prevede una sanzione che va da 25 a 500 euro oltre alle spese sostenute dal concessionario per la rimozione.