Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 532
RAGUSA - 08/07/2016
Attualità - Sarà in vigore fino a metà settembre

Ordinanza contro emissioni sonore

Per i trasgressori previste multe salate Foto Corrierediragusa.it

Un’ordinanza precisa e circostanziata: 13 articoli che regolamentano le emissioni sonore in tutto il territorio di Ragusa e, soprattutto, Marina di Ragusa e il resto del litorale limitrofo. Sarà in vigore fino a metà settembre e il suo intento è quello di rendere la vita, e soprattutto la notte, di residenti e villeggianti più serena e rispettosa dei vacanzieri e dei residenti. I mesi estivi sono quelli in cui si concentrano il maggior numero di attività di intrattenimento nei locali e nei ritrovi e spesso, come è avvenuto negli ultimi anni, con forti contrapposizioni tra i titolari dei locali e i residenti che hanno portato a denunce e chiusure dei ritrovi. L’ordinanza si rifà, tra l’altro, alle direttive impartite dal Prefetto in sede di Comitato per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica e mira alla prevenzione dei fenomeni che compromettono la qualità e la salubrità dell’ambiente. Ai titolari degli esercizi viene imposto la predisposizione della documentazione che certifica l’impatto acustico degli impianti a disposizione ed inoltre vieta l’utilizzo di strumenti musicali sulla strada; inoltre le casse direzionali che dovranno essere posizionate verso l’interno dei locali. Gli orari fissati dall’ordinanza prevedono l’intrattenimento dalle 10 alle 13 e dalle 18 all’una di notte dalla domenica al giovedì. Il venerdì l’orario slitta alle 2 e il sabato notte fino alle 3 compresi il 10, 14 e 15 agosto. Per chi non osserva gli orari si prevedono multe da un minimo di 258 euro a un massimo di 10 mila.

Chi, pur rispettando gli orari, supera i limiti delle emissioni che sono state fissate dall’ordinanza nell’ articolo 4 la sanzione prevista va da 516 euro a 5 mila.I gestori dei locali dovranno anche avere cura che fuori dai loro locali gli avventori non diano luogo a schiamazzi e rumori. La polizia locale ha predisposto da parte sua la presenza di pattuglie sul territorio proprio per prevenire e controllare le attività. Due pattuglie saranno presenti anche nelle ore notturne, da mezzanotte alle 5 del mattino quando i locali sono in piena attività e comincia poi il ritorno verso casa. Saranno dunque di fatto garantite 22 ore su 24 di presenza sul territorio grazie anche al coordinamento con le altre forze dell’ordine.