Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:37 - Lettori online 1020
RAGUSA - 03/07/2016
Attualità - In "Salento Rock" l’autrice parte da fatti di cronaca risalenti agli anni 80’ e 90’

La droga e i "nuovi vinti" nel romanzo di Malerba

Il relatore Bruno Bellia ha messo in risalto "l’ ascendenza realista e verista" dell’opera Foto Corrierediragusa.it

Tra cronaca e romanzo, tra inchiesta e narrazione utopica. Si muove in questo ambito "Salento Rock. Andati Via Senza Salutare" di Francesca Malerba (a dx nella foto) presentato al Palazzo della Cultura. Il libro è stato introdotto da Bruno Bellia mentre Vincenzo Gulino, psichiatra, ha approfondito i temi strettamente legati al mondo e agli effetti della tossicodipendenza. Carmelo Guccione ha dato il benvenuto al pubblico, tra cui l’assessore alla Cultura, Orazio Di Giacomo. «Salento Rock» parte dunque dalle esperienze, a volte tragiche, di alcuni giovani di Galatina, cittadina del leccese, alle prese con il mondo della tossicodipendenza. I protagonisti sono i giovani degli anni 80’ e 90’ che si muovono tra regole e trasgressione, tra siringhe e chitarre. Bruno Bellia ha rilevato come nel romanzo si indaga sullo scompiglio che la droga e la musica provocano in una società fondamentalmente arcaica. Per il relatore il romanzo è la storia di una sconfitta perché i giovani salentini emergono come i «nuovi vinti» tanto da accostarli ai «vinti» di verghiana memoria.

Per Bruno Bellia «Salento Rock» è dunque «vero romanzo di ascendenza realista e verista» che si colloca nella migliore tradizione narrativa italiana. Vincenzo Gulino ha invece puntato l’obiettivo sul cambiamento degli ultimi anni nel corso dei quali la droga da sedativa diventa eccitante, che da fenomeno di emarginazione diventa di integrazione. La dipendenza si accosta a nuovi fenomeni oggi molto ricorrenti, se non prevalenti, nei Sert: patologia da gioco, disturbi alimentari, dipendenza dai social. Francesca Malerba ha chiuso l’appuntamento raccontando la genesi del suo romanzo, nato quasi per caso, scaturito da notizie di cronaca, che hanno messo in discussione e in alcuni casi distrutto, vite, amori, relazioni. Storie struggenti dalle quali i giovani di oggi dovrebbero trarre esperienza per non incorrere in errori fatali.