Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:15 - Lettori online 1027
RAGUSA - 29/06/2016
Attualità - Il territorio diviso in due distretti: il Dirillo e l’Irminio

Sei squadre speciali per gli incendi boschivi

L’ispettore ripartimentale Giuseppe Di Martino ha presentato le linee guida del piano regionale Foto Corrierediragusa.it

Sei squadre speciali attive fino al 15 ottobre per prevenire e spegnere gli incendi boschivi. L’ispettore ripartimentale Giuseppe Di Martino ha presentato le linee guida del piano regionale per quanto riguarda il territorio ibleo che risulta diviso in due distretti, il Dirillo e l’Irminio. Il Piano prevede l’impiego di 321 unità solo per quanto riguarda la Forestale con 171 addetti allo spegnimento, 60 alla guida delle autobotti, 90 all’avvistamento e alla sala operativa. Sedici in tutto le postazioni antincendio per turno dislocate nel capoluogo, Chiaramonte, Monterosso, Modica, Scicli e Vittoria. Vigili del Fuoco e Forestali lavoreranno in piena sintonia secondo le direttive impartite dal Prefetto, Maria Carmela Librizzi in sede di comitato per l’Ordine e la sicurezza pubblica. Quest’anno inoltre sarà disponibile un mezzo aereo posizionato presso l’aeroporto di Comiso che potrà risultare decisivo nei casi più gravi. Il responsabile del contingente antincendio Vincenzo Chessari ha ricordato alcuni dati. Oltre la metà degli incendi avviene ai bordi delle strade dove si concentrano sterpaglie e rovi. Le ore più a rischio sono dalle 11 alle 17 con il picco alle 15 mentre i giorni sono quelli del fine settimana. A giugno i Vigili del fuoco hanno effettuato 30 interventi ricorrendo a 15 interventi di aerei.