Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 860
RAGUSA - 27/06/2016
Attualità - L’amministrazione Piccitto preme sull’acceleratore

Ragusa punta su metropolitana di superficie

Nel progetto aggiornato al 2005 si prevedevano solo 5 stazioni ma il nuovo progetto ne prevede 9 Foto Corrierediragusa.it

L’amministrazione accelera sulla metropolitana di superficie. Il progetto, da anni nel cassetto, ma rilanciato in varie occasioni dal Cub e da vari comitati cittadini che per la metropolitana si sono battuti, sarà aggiornato per partecipare al bando di gara che mette a disposizione ben 500 milioni complessivi destinati soltanto ai comuni capoluogo e legato alla riqualificazione urbana. Una opportunità unica anche perchè l’ente ha per le mani un progetto elaborato negli anni 90 da Fabio Maria Ciuffini. Il sindaco ha dato mandato all’ufficio tecnico per l’aggiornamento del progetto che comporta una spesa di poco più di 17 milioni di euro. Nel progetto aggiornato al 2005 si prevedevano solo 5 stazioni ma il nuovo progetto ne prevede 9 inclusa la fermata al Carmine per rendere più accessibile Ibla. Novità previste anche per lo scalo merci che verrebbe recuperato e ed ospitare nuovi servizi oltre a costituire lo snodo di tuto il nuovo sistema viario. Ci sono appena tre mesi per aggiornare il progetto e partecipare al bando ma l’amministrazione ha dato massima priorità all’elaborazione dell’elaborato esecutivo.

Dice il sindaco Piccitto. «E’ un’occasione straordinaria e la progettazione di cui dispone il Comune è in perfetta sintonia con il tema della riqualificazione urbana». Le fermate previste mettono in asse i luoghi più significativi della città dal punto di vita turistico sfruttando l’attuale linea ferroviaria che attraversa il centro e lo collega con la stazione periferica di Donnafugata. Il progetto in fase di elaborazione parte da contrada Cisternazzi dove sorge il nuovo ospedale, passa da Bruscè per arrivare alla zona Asi. Poi da via Paestum a piazza Croce ed al terminale degli autobus, quindi via Colajanni , piazza Libertà e Stazione ferroviaria per finire al Carmine.