Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 2 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:28 - Lettori online 1227
RAGUSA - 25/06/2016
Attualità - Sui social è un profluvio di foto e commenti poco edificanti

Pista ciclabile "out" a Marina di Ragusa: perchè?

Ora si deve correre ai ripari Foto Corrierediragusa.it

Pioggia battente o tombino non funzionante? Fatto sta che la pista ciclabile che dal porto turistico va verso Punta di Mola non ha retto l’impatto. Al di là dei motivi tecnici che sostenitori e detrattori dell’amministrazione Piccitto hanno messo in luce, si tratta comunque di un danno di immagine per l’amministrazione Piccitto, che, sulla pista, ha investito circa 300 mila euro e soprattutto puntato a rendere la frazione più vivibile e fruibile per i tanti villeggianti. Innumerevoli gli interventi sui social e puntuali i commenti da parte di movimenti e consiglieri comunali. Da un punto di vista tecnico è successo che il tratto della conduttura fognaria che corre sotto la pista non ha retto l’impatto dell’afflusso abbondante delle acque, facendo saltare un paio di tombini a causa della pressione, intaccando la pista ciclabile nella parte dell´asfalto della corsia che la costeggia, determinando il danno che le foto evidenziano. I tecnici sono intervenuti per ispezionare la condotta fognaria e adottare i dovuti accorgimenti perché un altro temporale, estivo o meno, potrà causare altri danni più gravi.

Il Movimento Territorio non è convinto e l’ha buttata sul sarcastico mettendo in guardia gli inevitabili detrattori del sindaco: «La pista ciclabile a Marina di Ragusa non si è «sgretolata» per colpa di una lieve pioggia estiva. La pista ciclabile, infatti, non è definitiva, ma biodegradabile, ecocompatibile e pensata per essere rimossa senza costi aggiuntivi nella stagione invernale, in modo naturale, grazie alle piogge». Il movimento Insieme è invece più costruttivo e chiede che, partendo da questa negativa esperienza, vengano subito adottati tutti quegli accorgimenti tecnici perché il fatto non si ripeta.

Nella foto la pista ciclabile rovinata dalla pioggia