Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:29 - Lettori online 1360
RAGUSA - 21/06/2016
Attualità - Si comincia mercoledì alle 8.30 con la prova di Italiano

Via alla Maturità: toto tema con Eco, Isis e Shakespeare

Giovedì la seconda prova di indirizzo e lunedì la terza prova elaborata dalla commissione Foto Corrierediragusa.it

Via agli Esami di Stato. Mercoledì è il giorno della prova comune a tutti gli istituti, Italiano. Saranno proposte cinque tracce, cultura generale, saggio breve, tema storico, argomento specifico per indirizzo e di ambito artistico. E’, paradossalmente, la prova meno temuta dai 503mila candidati che saranno impegnati quest’anno negli esami di maturità. Eco, Isis, Montale, i 70 anni della Repubblica, Shakespeare a 400 anni dalla morte, rifugiati, terrorismo e anche Camilleri con il suo commissario Montalbano, tra le tracce più gettonate. Giovedì invece la prova specifico di indirizzo scelta dal Ministero. Traduzione dal Greco al Classico, Matematica, per lo Scientifico, prima lingua straniera per il Linguistico. Poi la pausa di tre giorni per riprendere lunedì quando gli studenti affronteranno la terza prova preparata dalle commissioni sulle materie di studio dell’ultimo anno. E’ la prova che mette più in difficoltà gli studenti che devono spaziare tra le varie discipline per dimostrare le loro competenze.

Dopo la correzione delle tre prove cominceranno gli esami orali secondo l’ordine sorteggiato dalla commissione. Gli orali cominceranno presumibilmente mercoledì 29 e si concluderanno, a seconda del numero degli esaminandi, entro 8 10 giorni. Entro la prima settimana di luglio si conosceranno gli esiti dell’esame di Sato che vede impegnate 12.554 commissioni con 24.991 le classi coinvolte per un totale di 503.452 candidati, di cui 487.476 interni e 15.976 esterni. Dal punto di vista organizzativo il Ministero ha confermato l´uso del plico telematico per l´invio delle tracce e ribadito il divieto di utilizzo di cellulari, smartphone e tablet.