Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:18 - Lettori online 713
RAGUSA - 14/06/2016
Attualità - Per la tutela della serenità nelle località di vacanza

Estate al via e guerra ai "fracassoni"

Le emissioni sonore devono rientrare nei limiti imposti per legge Foto Corrierediragusa.it

Il prefetto detta ai sindaci le regole per la tutela della serenità nelle località di vacanza. In particolare nei centri balneari dove l’intrattenimento nei vari locali è già iniziato e si protrarrà fino a settembre inoltrato. La riunione convocata dal prefetto Maria Carmela Librizzi ha visto la partecipazione dei sindaci dei comuni iblei e dei rappresentanti delle forze dell’ordine oltre che dell’Arpa, la struttura territoriale competente per la misurazione delle emissioni sonore. Ogni anno, infatti, si registrano abusi e violazioni delle ordinanze da parte di titolari di locali che eccedono fino alle prime luci dell’alba con l’intrattenimento musicale che rende insopportabili le notti dei residenti. Un conflitto di «interessi» che spesso sfocia in proteste anche eclatanti. Il prefetto ha raccomandato ai sindaci l’emissione di ordinanze che siano quanto più uniformi possibili per evitare il fenomeno delle migrazioni di giovani da un comune all’altro nel cuore della notte per aggirare i limiti di orario imposti da parte di chi è più restrittivo. Serve naturalmente una attenta attività di vigilanza e di controllo grazie ai tecnici dell’Arpa in collaborazione con la Polizia locale presso quei locali che dovessero abusare o trasgredire.

Le emissioni sonore devono rientrare, dunque, nei limiti imposti per legge e bisognerà evitare deroghe ed eccezioni varie per quanto riguarda anche gli orari che minano alla base la filosofia delle ordinanze. Tutto da verificare se le buone intenzioni del prefetto Maria Carmela Librizzi e le direttive impartite saranno recepite dai sindaci che negli anni passati sono quasi entrati in competizione per attrarre il pubblico giovanile nei propri comuni grazie a deroghe e aggiramenti nel malinteso senso di attrazione del turismo giovanile.