Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:17 - Lettori online 812
RAGUSA - 25/05/2016
Attualità - La sentenza della Corte di Cassazione ha portato la buona notizia

Un milione di euro grazie al teatro Concordia

Annullata la sentenza della Corte di Appello di Catania Foto Corrierediragusa.it

Come manna dal cielo. Il sindaco di Ragusa Federico Piccitto (foto) si ritrova quasi un milione di euro in più in bilancio e con i tempi che corrono non è cosa da poco. Sono soldi che l’ente aveva accantonato per pagare il debito derivante dall’espropriazione del teatro Concordia (foto) e di uno stabile adiacente ma la somma non poteva essere utilizzata perché già depositata alla Cassa Depositi e Prestiti. La sentenza della Corte di Cassazione ha portato la buona notizia al sindaco perché i giudici della Corte Suprema hanno infatti annullato la sentenza della Corte di Appello di Catania alla quale si erano rivolti i proprietari che avevano contestato la valutazione fissata dagli uffici comunali di un milione 330 mila euro per i due immobili adiacenti. Le due indennità non furono accettate dai proprietari che proposero opposizione avanti la Corte di Appello di Catania, che con una sentenza nel 2011, valutò il Teatro un milione 890 mila euro e l’appartamento 263 mila euro.

Il Comune dovette quindi depositare la maggiore differenza attraverso il riconoscimento di un debito fuori bilancio dell’importo complessivo di 905 mila 325 mila euro (di cui 856 mila 611 euro per il Teatro e 48 mila 713 euro per l’appartamento adiacente). La Corte Suprema accogliendo il ricorso del Comune ha cassato la sentenza della Corte di Appello, che aveva basato il suo giudizio sul criterio di trasformazione del Teatro ad abitazione e uffici sbloccando così la somma che rientrerà così nella disponibilità dell’ente.