Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:55 - Lettori online 1265
RAGUSA - 25/05/2016
Attualità - Il dato emerge dalla delibera 278 della giunta municipale

Oltre un milione di euro incamerato con le multe

Nel dettaglio quindi i verbali elevati dagli agenti sono aumentati di 4 mila 176 rispetto a quelli dell’anno precedente Foto Corrierediragusa.it

Ammontano a poco meno di un milione e 200 mila euro gli introiti della polizia locale per proventi relativi a contravvenzioni di cui un milione 64 mila 595 euro in materia di circolazione stradale e 95 mila euro per violazioni dei limiti di velocità. Il dato emerge dalla delibera 278 della giunta municipale di Ragusa pubblicata all’albo pretorio. In termini numerici, i verbali notificati per violazione del codice della strada ammontano a 21 mila 890, nel 2014 erano stati 17 mila 694. Con i proventi delle multe il comando della polizia locale ha provveduto a finanziare servizi di miglioramento della circolazione stradale, della segnaletica, la manutenzione del parco macchine, oltre che progetti per la sicurezza stradale ed acquisto di mezzi tecnici, tra cui 5 biciclette elettriche per gli agenti in servizio a Marina di Ragusa.

Nel dettaglio quindi i verbali elevati dagli agenti sono aumentati di 4 mila 176 rispetto a quelli dell’anno precedente toccando la ragguardevole quota di quasi 22 mila. Altro dato che deve fa riflettere, nonostante l’introduzione del sistema street control, è l’aumento delle multe per sosta vietata. I ragusani non ne vogliono proprio sapere di parcheggiare in modo ordinato e rispettare le regole. I verbali in questo settore sono aumentati in un anno di 3 mila 600 unità. Raddoppiati gli automobilisti senza cinture di sicurezza da 320 a 684. Tutte queste infrazioni naturalmente testimoniano un approccio ancora troppo «allegro», anche in considerazione delle violazioni dei limiti di velocità, ma dall’altra parte portano liquidità nelle casse del comando che, come accennato, si trova a gestire ben un milione e 200 mila euro in tutto se si sommano anche le infrazioni per eccesso di velocità.