Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 0:33 - Lettori online 517
RAGUSA - 24/05/2016
Attualità - Sulla delicata questione interveto di Giueppe Sulsenti, presidente della Arfel

Bilanci comuni in bilico, Palermo taglia somme

I trasferimenti regionali ridotti di due terzi con una circolare che getta nel panico gli amministratori Foto Corrierediragusa.it

A breve i comuni siciliani devono approvare i bilanci per non rischiare lo scioglimento. In queste ore precedenti la messa punto di già tardive delibere l’assessorato agli Enti Locali non ha trovato di meglio che tagliare di due terzi, da 340 milioni di euro a 105 mila, i fondi utilizzabili dai comuni, e quindi ascrivibili nei documenti finanziari. Una circolare che ha gettato nel panico quanti sono alle prese con il compito di approntare i bilanci anche perché la comunicazione arriva in assoluto ritardo. Giuseppe Sulsenti (foto), presidente della Arfel ((associazione per le finanze degli enti locali), ha subito inviato una nota al presidente Rosari Crocetta per esprimere la preoccupazione degli amministratori.

Scrive Giuseppe Sulsenti: «Appare assolutamente irragionevole la comunicazione due giorni prima della scadenza del termine per l’approvazione del Bilancio di previsione per tutti gli Enti locali e si ritiene un grave errore una simile nefasta previsione che getta nello sconforto e in totale confusione i servizi finanziari dei Comuni che apprendono, due giorni prima della scadenza dei termini, che i trasferimenti regionali ai Comuni, per l’anno 2016, sono da considerarsi ridotti di oltre i 2/3 rispetto allo scorso anno. Nessun Comune siciliano potrà approvare, in equilibrio, il Bilancio di previsione 2016-2018. Chiediamo che si faccia chiarezza sulle risorse che la Regione intende assegnare agli Enti locali siciliani, dando certezza di importi e di erogazione".